Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Eventi Media Partner

    Evento: World Pastry Stars

    img1

    Location: Four Seasons Hotel Milano

    Date: 18 e 19 Maggio 2014

    Per info: Clicca qui

    Evento: Io Bevo Così

    img1

    Location: Monastero del Lavello (LC)

    Date: 25 e 26 Maggio 2014

    Per info: Clicca qui

  • Premium Partner










  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    gennaio: 2009
    L M M G V S D
    « dic   feb »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Cascina Ca’ Rossa | Home | Ronco dei Tassi »

    Roberto Voerzio

    By EnoCentrico | gennaio 1, 2009

    (SPAZIO PER VALUTAZIONE AZIENDALE)

    Anno di Fondazione: 1986
    Proprietà: Roberto Voerzio
    Enologo: Roberto Voerzio
    Agronomo: Roberto Voerzio
    Addetto al ricevimento: Roberto Voerzio
    Ettari di proprietà e/o affitto: 15 ha di proprietà + 7 ha in affitto
    Produzione annuale in bottiglie: variabile tra le 35.000 e le 60.000
    Vendita diretta in Cantina: NO
    Vendita dei vini On-line: NO
    Visite in cantina: Normalmente Roberto Voerzio non accetta visite in cantina, ma viene dato questo privilegio ai titolari della tessera Amici Gourmet. Previo appuntamento. Esclusi i week-end ed i periodi “critici” in campagna.

    Caratteristiche principali di gestione nel vigneto: rese basse (500g-1,2kg per pianta), densità 6000-8000 piante/ha, potatura corta(5-8 gemme) nessun utilizzo di diserbanti o antimuffa o sostanze che interferiscono sul ciclo vegetativo della pianta o sulla maturazione dell’uva, concimazione con fertilizzante naturale.

    Utilizzo di lieviti selezionati: NO

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2011/2012:

    95,5/100 – Barolo Riserva Vecchie Viti Capalot e delle Brunate 2006 (Cat. H solo in magnum)

    Le qualità enologiche di Roberto Voerzio le abbiamo più volte raccontate in queste pagine. Così come la grandezza della batteria dei Barolo 2006 che trova il suo giusto coronamento nella Riserva “Vecchie Viti”. Un vino monumentale quanto a imponenza, razza e sostanza, ma capace di mantenersi sui binari della classe e dell’eleganza. Almeno per quanto riguarda la parte fascinosa dell’olfatto. Scintillante nella definizione del frutto, raffinato e signorile in pieno stile Voerzio, capace di stratificarsi in maniera cadenzata, quasi fosse un orologio svizzero. Anche il palato rafforza quanto descritto in precedenza con fare serioso ed un filo più contratto. Il tratto più deciso e incisivo è dato da una trama tannica fitta e mordente, quasi inusuale in questi termini nei vini di Roberto, in grado di diventare ancor più pressante con il proseguire della degustazione. Il solo dubbio che ci lascia, è che questa possa affievolirsi in futuro e diventare più docile. Il ritorno aromatico della persistenza torna a manifestare la grandezza di questo grande vino. L’ennesimo per la storia di questo eccezionale vigneron.

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2010/2011:

    95/100 – Barolo Brunate 2006 (Cat. H)

    Ti verrebbe quasi di dare lo stesso punteggio a tutti, in quanto il carattere, il peso e la classe sono monumentali per tutte le etichette. In sintesi, possiamo dire che le differenze di punteggio tra i vari cru trovano la loro naturale traduzione nella diversità dei singoli elementi. Partendo dal frutto, il Rocche dell’Annunziata è quello più “integro”, il Sarmassa denota potenza e stoffa, Cerequio è più rigido, mentre il Brunate porta nel DNA la classicità assoluta, con un frutto più posato e tendente verso quel carattere speziato ed un pizzico più evoluto. Mentre al palato è il tannino del Brunate a graffiare di più. Ma nessun allarme… la finezza è quella di sempre.

    94/100 – Barolo Cerequio 2006 (Cat. H)

    L’unica caratteristica che vede il Cerequio distanziarsi dai suoi fratelli, è da ricercare in un carattere più chiuso, capriccioso e corrucciato. Avrà bisogno quindi di tempo per esprimersi e trovare quell’equilibrio per poter dare quelle stesse emozioni che sono proprie ed intrinseche nei Barolo 2006 di Voerzio. Da aspettare.

    97/100 – Barolo Rocche dell’Annunziata Torriglione 2006 (Cat. H)

    Altissimo Ceto

    Allacciatevi le cinture, perché un nuovo viaggio è cominciato! Se pensavamo di sapere ormai tutto su Roberto Voerzio e credevamo di aver carpito ogni suo segreto, ci sbagliavamo di grosso. Si stanno riscrivendo delle nuove pagine nella storia di questo vigneron. Se da un lato eravamo abituati alla rotondità, alla suadenza, alla concentrazione, alla meticolosità dei suoi vini, ecco che presto sui nostri taccuini prenderanno forma degli appunti che riguarderanno più da vicino certi acuti, certe interpretazioni che riguarderanno dei frutti ancor più precisi e dettagliati. Le rese continueranno ad essere bassissime, ma il più grosso cambiamento riguarderà la cantina, dove hanno già preso posto alcune botti da 12 hl e dove stanno riposando i vini a partire dall’annata 2008. Ma un segno già tangibile, pur essendo elevato in barrique, lo abbiamo nella lettura di questo splendido vino. Un capolavoro assoluto. Possiede la grande finezza dei 2001, ma con un rigore ed una espressività più eloquente ed intensa. Il Rocche dell’Annunziata Torriglione si posiziona in vetta, rispetto agli altri cru di casa Voerzio, per la fragranza ed  una maggiore integrità del frutto e quel tocco di balsamico che lo rendono estremamente godurioso. Tutte caratteristiche, sia ben chiaro, che si ritrovano anche nelle altre versioni di pari annata, ma che non imprimono la medesima passione, slancio emotivo ed eccitazione bramosa che ha invece questo vino. Non vorresti staccare mai il naso dal bicchiere, al fine di continuare a vivere nel vostro stato di sovreccitazione, e passare lentamente al secondo step, ovvero quello gustativo, cercando di non lasciarvi troppo ammaliare dalla sua facilità di beva. Il palato viene cesellato da un continuo, ordinato ed equilibrato passaggio di tutte le sensazioni, senza che nessuna di essa prevalga sulle altre. Non saranno vini per tutte le tasche, ma il risultato è di quelli che difficilmente si faranno dimenticare presto.

    96/100 – Barolo Sarmassa di Barolo 2006 (Cat. H)

    Quattro etichette di Barolo 2006 (il La Serra non è stato prodotto, mentre il Capalot se ne parlerà forse molto più avanti…) targate Roberto Voerzio ed una più buona dell’altra. Il carattere del frutto di questo Sarmassa è, a tratti, più freddo e più distaccato di quello che abbiamo trovato nel Rocche dell’Annunziata, ma qui abbiamo potenza e tanta profondità. Una complessità meno appariscente, ma più minuta. Tanti piccoli tasselli belli, variopinti e prestigiosi come dei grandi Bisazza. Di grande classe quindi. Articolato e molto dinamico al palato, con la trama tannica e l’acidità che formano una spina dorsale sinuosa e perfetta. Oggi, ma anche tra diversi decenni. Prodotto solo in Magnum. Ve la potete cavare con 280 europei in enoteca, o giù di lì. 280 euro di assoluta goduria ed emozione. Emozione capace di travolgerti ma che non ha prezzo. Per tutto il resto, come sapete, c’è Master card.

    88/100 – Langhe Nebbiolo S. Francesco-Fontanazza  2007 (Cat. E)

    Il vino si consolida sulla stessa linea centrata lo scorso anno con l’annata 2006, con una maturità del frutto più calda, con qualche accenno di sostanza in più ed un filo emozionale in meno. Bocca che diventa ampia da una sensazione pseudo-calorica importante, ma sostenuta da una freschezza che dona vitalità e permette di chiudere in tutta eleganza.

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2009/2010:

    88/100 – Langhe Nebbiolo 2006  (Cat. E)

    Altissimo Ceto

    Vi vedo neh…so’ che siete lì a dire: ” ‘ettepareva se l’EnoCentrico non dava l’Altissimo Ceto a Roberto Voerzio… addirittura sul Langhe Nebbiolo poi…”. Ma stavolta vi sbagliate, perché la media del punteggio e la valutazione dell’AC è stata data in maniera unanime da tutti i membri della giuria. Sicuramente siamo di fronte a un vino più “concentrato” e più “muscoloso” rispetto al vino descritto appena sopra, ma il lato magico di Roberto è sempre quello di andare in bottiglia, mantenendo equilibrio, eleganza ed… emozione.

    90/100 Langhe Rosso Fontanazza-Pissotta 2005 (Cat H)

    Grande prova per la versione 2005 del Merlot di Roberto Voerzio, che “sbaraglia la concorrenza”, varca la soglia dei 90 punti e si aggiudica il primato come il miglior vino di questa denominazione. Un successo che non è stato perentorio, paragonabili ad esempio ai 9,58 di Bolt sui 100 mt, ma che invece ha nascosto non poche difficoltà, date più che altro dal suo esordio nel bicchiere, in virtù di una partenza un po’ in sordina. Infatti gli ingranaggi delle componenti del profilo aromatico, hanno impiegato qualche minuto per registrarsi e poter quindi sfoderare una complessità di tutto rispetto. Al primo impatto le note dolci la facevano da padrone, lasciando spazio a note leggermente accennate di erba tagliata. Mentre l’ampiezza, l’avvolgenza, la progressione e la persistenza aromatica presenti al palato ed in fase retro-olfattiva, hanno dato delle precise indicazioni di cosa sarebbe diventato di lì a poco, questo Fontanazza-Pissotta. I sentori di erba tagliata, hanno fatto spazio a note di sottobosco, muschio, sentori di felce, il tutto in condizioni di maturità di frutto davvero esemplari. Pronti a scommettere che, con qualche anno di maturazione in bottiglia, avremmo sfumature ricche e avvolgenti da grande Pomerol…

    94/100 – Barolo Cerequio 2005 (Cat. H)

    Altissimo Ceto

    Passano gli anni, ma il nostro Roberto Voerzio, propone sempre vini di classe infinita, con il medesimo rigore che li contraddistingue e portando sempre nuovi argomenti di discussione al momento dei loro assaggi. Discussioni che raccontano di ricchezze aromatiche e sensazioni che potrebbero essere tranquillamente sostituite da un ben più significativo: “Senza parole”. Questa volta, contrariamente a quanto fatto in passato sulle nostre “pagine”, ci siamo trovati nella bellissima situazione di degustarli a bottiglie coperte, in compagnia delle migliori interpretazioni territoriali. Proprio questo è servito per far(ci) capire che lo “stile Voerzio” è proprio l’opposto di quello raccontato da più parti, fatto solo da muscoli e concentrazioni e che potrebbe far intuire, solo in seguito, una volta conosciute le bassisime rese delle uve usate per ottenerli. Vi diremo ancora di più, sono davvero una cerchia ristretta, quei vigneron, capaci di imprimere un loro stile ed una loro personalità ai vini, senza modificare e forzare i tratti di quella comunicazione chiamati vigna  e millesimo. Così, ogni anno, si può giocare sulla scommessa di quale cru, prenda l’alloro del migliore. Il Cerequio 2005, sfodera potenza, pur con meno cavalli rispetto alla 2004 in commercio dallo scorso anno o alla 2006 assaggiata in anteprima in cantina da lui.  Dotato di grande dolcezza e fragranza di frutto, è il più caratteriale dei cru presentati. In bocca è avvolgente, di buona concentrazione, con una trama tannica di grande fattura ed un finale che non si scorderà mai.

    93/100 – Barolo Brunate 2005 (Cat. H)

    Il Brunate 2005 di Roberto Voerzio si mostra con la solita classe di sempre. Forse il cru aziendale dove il terreno di origine regala delle uve che si traducono in sintesi per essere quello più costante e meno incline a cambi di direzione. Rispetto al Cerequio si organizza con un frutto con dei caratteri più speziati non evoluti ed una trama tannica più integrata che lascia pensare ad una predisposizione alla stappatura più “precoce”, anche rispetto al La Serra.

    91/100 – Barolo La Serra 2005 (Cat. H)

    Il Barolo La Serra 2005 di Roberto Voerzio è risultato essere quello più “contratto”. Ci sono i presupposti e le caratteristiche del grande vino. Volume, spessore, equilibrio ed eleganza, ma in questo momento fatica ad uscire con la medesima distensione degli altri cru di Roberto.

    95/100 – Barolo Ris. Vecchie Viti dei Capalot e delle Brunate 2004 (Cat. H)

    Secondo voi, il Vecchie Viti di Roberto Voerzio poteva mancare all’appuntamento dell’eccellenza con il millesimo 2004? Certo che no. Infatti, si è fatto trovare pronto, in perfetto e lucido abito da sera, simbolo di un’eleganza ed una finezza estrema. Un frutto ricco, concentrato, complesso e molto variegato, ottenuto dalla ricchezza regalata dalle uve da vigne vecchie. Porta con se le caratteristiche della 2004, dando un profilo olfattivo che andrà in la’ con il tempo, ma risulta già molto aperto oggi. In bocca è suadente, lineare. Corre dritto senza sbavature verso un finale che non molla mai la presa.

    91/100 – Barbera d’Alba Riserva Vigneto Pozzo dell’Annunziata 2005 (Cat. H – la magnum)

    Che fosse riscontrabile la grandezza della Riserva Pozzo dell’Annunziata lo potevamo immaginare. Così come è facilmente intuibile che nel bicchiere, l’annata 2005 ha (è avrà per molto tempo) stoffa e carattere da vendere, pur non avendo la medesima complessità nelle sfumature aromatiche e la medesima profondità della versione che l’ha preceduta. La 2004 viaggia su altri pianeti e difficilmente sarà presto raggiunta (la 2006 non verrà prodotta…), ma la proverbiale cura maniacale che applica Roberto Voerzio nel lavoro in vigna, gli può garantire, quando ovviamente tutto fila per il verso giusto e si riesce ad andare in bottiglia con un vino senza “intoppi”, dei risultati che si attestano sempre a livelli altissimi e conservando quel doveroso appeal che viene regalato da madre natura, nelle diversità di ogni annata. Detto questo, per chi avrà impresso nella memoria quanto raccontato dall’annata 2004, la prima cosa che gli balzerà agli occhi, pardon al naso, è l’immediatezza aromatica che in questo vino risulta un po’ più frenata e che ha bisogno di più tempo per esprimersi, mentre il frutto si rivela ricco ed ampio, ma con un grado di maturità più “acerbo”. Caratteristiche, queste, che li accomuna nelle differenze, anche con i Barolo. Il corredo speziato si evolve più verso il piccante, mentre al palato si stampa con minore avvolgenza e un filo in più di nervosismo. Mentre la capacità di diversificarsi e di non giocare mai le stesse carte, rimangono invariate.

    87/100 – Barbera d’Alba Vigneti Cerreto 2006 (Cat. E)

    Sarà pure chiamata la “Barbera dei poveri”, ma non c’è poi tutta questa distanza rispetto alla sorella Pozzo. In quanto, la qualità è comunque quella che ci si spetta da un vino di Voerzio. La cura nel vigneto è la filosofia di base è la stessa, quello che cambia è il vigneto, la densità di viti per ettaro, un pizzico di resa per pianta in più e nell’affinamento. Per il resto troverete le dovute differenze sul piano dello spessore e della complessità/persistenza, mentre avrete la medesima percezione di una Barbera ben fatta, concentrata il giusto, precisa e definita nel dettaglio aromatico e nelle finalità al palato, compresa l’identica dolcezza del tannino.

    86/100 – Dolcetto d’Alba Priavino 2007 (Cat. B) Recensito quì

    Le nostre sessioni, come sapete, avvengono “alla cieca”. E come tutti i panel che si rispettino, c’è sempre qualcuno che mischia le carte. Di proposito. Tanto da inserire dei campioni che nulla hanno da spartire per origine e vitigno del tema in questione, ma che possono mostrare però delle somiglianze caratteriali. Un colore pieno, profondo e compatto che vira leggermente al granato e di una consistenza evidente. Naso ampio e articolato in cui emergono fiori secchi e cardamomo, ingresso disposto su densità e calore, dove la competenza del frutto sembra appartenere al Sud, mentre l’acidità e il tannino, caratterizzano le naturali provenienze nordiche… Tant’è che alla fine scopriamo che dietro a tutto questo, c’è la mano di uno dei più grandi nostri autori contemporanei.

    I prezzi sono indicati per categorie in funzione della variabilità che potete trovare da enoteca ad enoteca:

    Categoria A Fino a 14,00
    Categoria B Tra Euro 12,00 e 17,00
    Categoria C Tra Euro 15,00 e 20,00
    Categoria D Tra Euro 18,00 e 25,00
    Categoria E Tra Euro 23,00 e 30,00
    Categoria F Tra Euro 28,00 e 50,00
    Categoria G Tra Euro 45,00 e 70,00
    Categoria H Oltre i Euro 70,00

    Recapiti:

    Az. Agr. Roberto Voerzio
    Reg. Cerreto 7
    12064 La Morra (CN)
    Tel: +39 0173 509196
    Fax: +39 0173 509196
    Skype: -
    Sito Web: -
    Indirizzo posta elettronica: voerzioroberto@libero.it

    Visualizzazione Google Map:
    Visualizzazione ingrandita della mappa

    Topics: Guida dei Vini, Piemonte | No Comments »

    Comments

    You must be logged in to post a comment.