Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner












  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    agosto: 2010
    L M M G V S D
    « lug   set »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Il Borro – Cantina, Resort, Osteria – San Giustino Valdarno (AR) – Famiglia Ferragamo | Home | Ristorante La Corte Albertina – Bra Frazione Pollenzo (CN) – Patron Gianni Bertolini »

    Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta

    By ViaggiatoreGourmet | agosto 7, 2010

    A Inzago in via Matteotti, a pochi passi dal ponte sul Naviglio della Martesana, incontriamo Giuseppe Motta, la moglie Carla Fumagalli e il figlio Sergio.

    Grand Tour G.H. Mumm Code

    Il Grand Tour era un viaggio iniziatico alla scoperta dei piaceri e della bellezza del Mondo Classico. L’Italia, con il suo ineguagliabile patrimonio di eccellenze artistiche, paesaggistiche e gastronomiche, era senza dubbio la tappa più importante.

    Oggi G.H. Mumm ripropone il Grand Tour chiedendo a 5 viaggiatori di eccezione di compiere un nuovo viaggio attraverso l’Italia, raccontandone il lato più elegante e contemporaneo: luoghi, persone e fenomeni che, partendo dal recupero della tradizione, offrono prodotti, esperienze e sensazioni fortemente attuali.

    Artigiani, chef, tipi creativi o semplicemente eleganti, raccontati settimanalmente su queste colonne dalle firme di Viaggiatore Gourmet, Polkadot, Bobos, Think.Bigchief e FrizziFrizzi.

    Buon viaggio!

    Archivio storico reportage:

    -> Meeting del 18 aprile 2012

    Sergio Motta con diversi tagli di carne

    La famiglia Motta non ha un trascorso di generazioni nel commercio delle carni: questa è la prima cosa che Giuseppe tiene a precisare, con la fierezza
    di chi ha saputo costruire nell’arco di poco più di cinquant’anni un’impresa non solo florida sul piano economico, ma che nel proprio settore rappresenta un vero punto di riferimento per la qualità e la selezione del prodotto. Giuseppe è del 1936, nato come ultimo di sette fratelli pochi mesi dopo la morte di suo padre: la famiglia, in quegli anni, vive lavorando la terra in una cascina nei dintorni di Inzago. Dopo la guerra, via via che i fratelli di Giuseppe si sposano, si allontanano dalla cascina per andare ad abitare in paese lasciando con la madre il fratello minore che, nel frattempo, poco più che bambino, inizia a lavorare nelle macellerie di Inzago.
    Nel 1950, compiuti i quattordici anni, Giuseppe può fare il grande salto e andare a lavorare a Milano, assunto in regola con la paga di 2.700 lire alla
    settimana. Il negozio era in via Panfilo Castaldi all’angolo con via Lazzaretto: Giuseppe tutte le mattine prende il tram che da Inzago lo porta a Milano. I primi lavori sono da garzone, come andare a portare la carne a domicilio ai clienti privati o negli alberghi della zona di Porta Venezia. Oltre ad arrotondare lo stipendio con le mance, che riceve per le consegne, Giuseppe ottiene piccoli incarichi anche dai proprietari degli alberghi che gli affidano, per esempio, l’acquisto dei biglietti del teatro per i propri clienti. Anche i ristoranti della zona si servono di lui: quando organizzano dei banchetti Giuseppe lava i piatti in cambio della cena e di mille lire di paga. Sono anni di lavoro intenso per lui che non rifiuta mai un lavoro pur di portare a casa qualche lira in più: la sera, rientrato a Inzago, gli capita spesso di andare a macellare nei paesi del circondario.

    A Milano Giuseppe resta per tredici anni, dal 1950 al 1963, cambiando numerosi negozi, con l’intervallo del servizio militare svolto a Napoli nel 1957, durante il quale continua a fare il macellaio sotto le armi. Prima del servizio militare Giuseppe lavora sempre nella zona di Porta Venezia tra via
    Panfilo Castaldi, via San Gregorio, via Lazzaretto. Nel 1958, dopo sei mesi trascorsi in piazza Irnerio, Giuseppe viene assunto in una macelleria di viale Lombardia dove resta a lavorare fino al 1963, anno del ritorno a Inzago.
    Nel 1962 Giuseppe si sposa con Carla Fumagalli e i due si trasferiscono in paese con la madre di lui lasciando definitivamente la cascina. Nello stesso anno, con il denaro messo da parte, Giuseppe decide di acquistare per 4.300.000 lire una macelleria a Milano proprio in via Castaldi dove aveva iniziato a lavorare. Se non che, pochi giorni prima dell’acquisto, Carla annuncia al marito la propria gravidanza e Giuseppe, spaventato dalle possibili complicazioni, decide di rinunciarvi.

    L’interno della macelleria

    Altri prodotti d’eccellenza

    I circa 1.500 macellai che lavorano a Milano negli anni ’60 si sono più che
    dimezzati in trent’anni, ma allora il mercato della carne era uno dei più ricchi e apprezzati del continente: come ci racconta Giuseppe Motta citando l’ex presidente della categoria Maggi: “A Milano c’era quotidianamente una
    varietà di tagli che altrove, anche a Parigi, si poteva trovare solo per le feste”. Lavorare a Milano, oltre che un motivo di orgoglio, è per un giovane
    macellaio un’occasione eccezionale di crescita professionale. Di lunedì al macello di via Lombroso, quando i commercianti si recano per scegliere i capi da acquistare, c’è oltre un migliaio di bestie. Una volta acquistate, il veterinario ne autorizza la macellazione, vengono timbrate e poi macellate nei giorni successivi dalle squadre di addetti del macello. Se un macellaio non dispone di un proprio mezzo, c’è un camion del Comune che distribuisce la carne ai negozi.

    Nei primi anni Cinquanta ci sono dodici giovani macellai che con Giuseppe vanno a lavorare a Milano da Inzago e dai paesi vicini (Gessate, Cambiago, Vaprio, Canonica, Cassano d’Adda) e nel 1962 tutti hanno già aperto i propri negozi al paese. Motta è l’ultimo quando nel 1963, dopo aver abbandonato l’idea di aprire una propria attività a Milano, acquista da Mario Comelli per 2.750.000 lire le mura del negozio attuale, l’abitazione soprastante e un macello attiguo per il quale Comelli non ha l’autorizzazione. L’accordo tra i due prevedeva che, qualora Motta non fosse riuscito a ottenere il nulla osta per il macello, il prezzo sarebbe stato ridotto di un milione. A Inzago, infatti, c’è un veterinario condotto che ha già autorizzato la vendita della carne, ma che per l’attività di macellazione non ha voce in capitolo. Per fortuna l’esperienza maturata nei primi anni di carriera a Milano risulterà molto importante per Giuseppe per avviare la propria attività, a cominciare proprio dall’ottenimento dell’autorizzazione a macellare in proprio. Giuseppe ricorda infatti come il dottor Fusar Poli, veterinario del macello pubblico di Milano, fosse molto favorevole al fatto che i giovani con un buon bagaglio di esperienza aprissero in provincia le proprie attività commerciali: avvertito da Motta al martedì pomeriggio, si presenta a Inzago mercoledì alle sette del mattino per esaminare il macello e rilasciare la propria autorizzazione.

    Sergio ci mostra qualche foto di repertorio, in questo caso quella con Gualtiero Marchesi

    Nel 1963, con l’avvio dell’impresa commerciale, inizia una nuova fase per la famiglia Motta. Con la possibilità di gestire in proprio l’attività di commercio e di macellazione, il lavoro di Giuseppe muta profondamente, infatti è lui a questo punto a dover seguire l’intero processo: dalla scelta dei capi, alla macellazione, al taglio e alla vendita della carne. Gli acquisti di bestiame vengono fatti nelle cascine dell’Est milanese e della Bassa bergamasca, dove vengono allevate vacche della razza Bruna alpina: una razza versatile che consente la produzione di latte e la macellazione per scopi alimentari. In seguito nella pianura lombarda la razza Bruna alpina viene abbandonata a vantaggio della Bianca e nera, vera miniera di latte, ma di scarsa resa per la macellazione e da allora Motta comincia a rifornire il proprio macello con capi di razza piemontese provenienti dalle province di Asti e Cuneo.

    “Dal giorno dell’apertura fino ad oggi il nostro negozio non ha mai fatto un giorno di chiusura, mai un giorno di vacanza!”, ci confida con orgoglio Giuseppe. Sempre nel 1963 Carla e Giuseppe hanno il primo figlio Galdino, detto Dino, e cinque anni più tardi nasce Sergio. Tutti e due cominciano ben presto ad affiancare il papà, soprattutto in occasione dell’annuale Fiera di Inzago, quando allevatori e macellai della zona espongono i propri capi migliori, e i due posano fieri accanto ai genitori nelle foto che li ritraggono con i premi vinti dai buoi della Macelleria Motta.
    Nel 1976 la famiglia Motta si completa con la nascita di Elena, mentre i due fratelli maggiori continuano a seguire il papà nei suoi giri in camion per stalle e per fiere. Col passare degli anni Dino sceglie gli studi di veterinaria e oggi esercita la professione accanto al negozio dove Sergio lavora con i genitori: anche se il suo ruolo nella conduzione dell’impresa va aumentando con il tempo, la titolarità della ditta individuale continua a rimanere in capo al padre Giuseppe. La frequentazione delle fiere e delle mostre di bestiame è stata, nella storia della macelleria, un punto di forza con cui la famiglia ha saputo farsi conoscere e apprezzare per la qualità dei propri capi nell’ambiente degli addetti ai lavori: oggi le pareti del negozio sono piene dei riconoscimenti vinti e su una bandiera sono appuntate tutte le medaglie d’oro conseguite negli anni dalle bestie dei Motta.

    La stagionatura dei salumi è un loro vanto… Questo prosciutto è del 2002

    Il bacino di clienti della macelleria è suddiviso tra utenza privata e ristorazione di qualità: Sergio ci spiega il rapporto complementare tra le due componenti, molto utile per una gestione efficiente dei vari tagli del bovino.
    Un altro campo in cui i Motta hanno conseguito ottimi risultati in termini di qualità del prodotto e di riscontro tra i clienti, è quello della stagionatura delle carni bovine e suine.
    Partendo da carni di qualità selezionate e talvolta allevate direttamente, viene affidata la produzione di prosciutto crudo e cotto, di culatello, di bresaola e di salami a specialisti nelle diverse località di produzione. Da uno di questi fornitori, suo quasi omonimo che ha chiuso di recente, Sergio ha rilevato il marchio “S. Motta” che oggi utilizza sui prosciutti di sua produzione.
    La cura per la qualità è il tratto distintivo del figlio che ha molto sviluppato i rapporti con i clienti ristoratori e che ci spiega le differenze tra la carne della filiera della distribuzione di massa, macellata e venduta nell’arco di poche ore, e quella, invece, lasciata anche alcuni mesi a frollare in apposite sale per acquistare la morbidezza e il gusto migliori.

    Degustiamo qualche prelibatezza

    Ci dirigiamo verso il nuovo macello

    L’affinamento dei salumi.

    Giuseppe ci racconta che gli animali da esporre alle fiere sono selezionati con cura: “Che abbiano la testa piccola, la pelle sottile e il giusto arco della schiena, perché andare a prendere il secondo premio non ha senso, quindi io mi presento alle fiere soltanto se ho la bestia giusta per vincere”. Spesso nella scelta si rivela preziosa la conoscenza di allevatori e mediatori: tra loro
    Giuseppe Motta, e oggi suo figlio Sergio, hanno costituito una rete di rapporti consolidati e affidabili che consente loro di selezionare i campioni per le fiere e soprattutto di avere garanzie di qualità nell’allevamento del bestiame.
    Solitamente la maggior parte degli acquisti viene concentrata in agosto, durante un ampio giro nelle zone di allevamento; i capi vengono poi trasportati settimanalmente al macello dove, sulla base delle necessità del negozio, vengono macellati uno o due buoi alla settimana. La capacità produttiva del macello è in parte limitata dal fatto di trovarsi in pieno centro abitato, ma del tutto commisurata alle esigenze dell’attività commerciale. Nel 2000 l’edificio che ospita il macello, distante pochi metri dal negozio, è stato completamente ristrutturato per ottemperare alle nuove norme igieniche e oggi si presenta con diversi spazi funzionali alle varie fasi della macellazione: dallo scaricamento dell’animale vivo fino alla frollatura delle carni in apposite stanze.

    Sergio at Work!

    Una bistecca di “Brontosauro” per Vuggì avete presente quella di Dino dei Flintstones… le dimensioni giusto quelle :)

    Viaggiatore Gourmet

    Macelleria Motta
    20065 Inzago (Mi)
    V. Giacomo Matteotti, 8
    Tel. 02.9549220
    E-mail: mottasergio@email.it

    Fonti: Unione Informa dell’Unione Commercianti di Milano

    Topics: Backstage Eventi Enogastronomici, Degustazione prodotti d'eccellenza, Eventi Enogastronomici | 9 Comments »

    9 Responses to “Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta”

    1. Cartoline Gardini’s Party alla Salumeria Rosticceria Cracco – Victor Hugo 4, Milano – Italia | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      novembre 29th, 2010 at 17:05

      [...] – Chef Davide Oldani Devero Ristorante – Cavenago di Brianza (MI) – Chef Enrico Bartolini Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Provincia di Monza e [...]

    2. Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron Sergio Motta | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      maggio 31st, 2011 at 10:40

      [...] Chef Enrico Bartolini Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Provincia di Monza e [...]

    3. Protagonisti @ Longino & Cardenal Lounge – VG Media Partner – Identità Golose 2012 – Milano | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      aprile 27th, 2012 at 19:24

      [...] – Chef Davide Oldani Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    4. Cartoline dal 160mo Meeting Amici Gourmet Osteria della Brughiera – Villa d’Almè (BG) – Chef Paolo Benigni | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      giugno 10th, 2012 at 00:46

      [...] – Chef Davide Oldani Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    5. Cartoline da “Aspettando Festa a Vico” – Cena Identità Golose di Longino & Cardenal | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      luglio 2nd, 2012 at 11:29

      [...] – Chef Davide Oldani Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    6. Cartoline dal 209mo Meeting Amici Gourmet VG @ Ristorante Macelleria Motta – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron Sergio Motta | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      agosto 24th, 2012 at 08:01

      [...] – Chef Davide Oldani Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    7. Fuori (Sopra) Salone del Gusto di Torino – ROOFTOP Esclusive Lounge @ La Pista del Lingotto by Viaggiatore Gourmet alias AltissimoCeto – Da gio 25 a dom 28 Ottobre dalle ore 19 | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      ottobre 23rd, 2012 at 11:10

      [...] Chef Fabio Barbaglini Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    8. Cartoline dal Fuori (Sopra) Salone del Gusto di Torino – ROOFTOP Exclusive LOUNGE @ La Pista del Lingotto by Altissimo Ceto (VG) | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      novembre 2nd, 2012 at 17:24

      [...] Chef Fabio Barbaglini Antica Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    9. Cartoline dal 293mo meeting VG @ Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron Sergio Motta | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      gennaio 14th, 2014 at 17:04

      [...] Trattoria del Gallo dal 1870 – Gaggiano (MI) – Patron Paolo Reina, Chef Pierluigi Sguazzini Macelleria Motta – Inzago (MI) – Carla, Giuseppe e Sergio Motta Ristorante & Macelleria Motta – Il Paradiso della Ciccia – Bellinzago Lombardo (MI) – Patron [...]

    Comments

    You must be logged in to post a comment.