Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner













  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    gennaio: 2013
    L M M G V S D
    « dic   feb »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:




  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Cartoline dal 233mo Meeting VG @ Pizzeria e Pasticceria Sirani – Bagnolo Mella (BS) – Patron Nerio Beghi | Home | Ristorante Leoni – Bologna – Chef Marcello Leoni »

    Cartoline da una giornata in Valpolicella dagli Allegrini – La Galzéga 2012 e verticale di La Grola e La Poja

    By EnoCentrico | gennaio 18, 2013

    Articolo a cura di Ivano Antonini.

    Quando nella seconda metà degli anni ‘70, Giovanni Allegrini ebbe l’occasione di toccare con mano la terra di quel bellissimo podere chiamato La Grola, capì che in quel posto c’era qualcosa di magico e vi erano tutte le potenzialità di fare grandissimi vini. Nel 1979 poté coronare il proprio sogno, acquistando quella collina che si estende su trenta ettari con condizioni micro-climatiche stupende, situato nel comune di Sant’Ambrogio di Valpolicella.

    Giovanni fu la persona che diede una svolta importante ad una azienda che faceva a capo ad una famiglia di viticoltori con già alle spalle 400 anni di storia. Era un personaggio dotato di una capacità imprenditoriale senza pari e con una forte attitudine per cogliere le potenzialità che giacevano nei terreni della Valpolicella e fu un pioniere per certi versi per questo territorio. Purtroppo non ebbe modo di vedere i primi risultati enologici di quel “sogno” in quanto morì nel 1983, pochi anni dopo l’acquisto e l’impianto dei nuovi vigneti sui terrazzamenti de La Grola. Ma Giovanni ebbe comunque una grande fortuna, quella di avere tre figli che hanno portato avanti con successo quello che fu “creato” da lui. Franco è l’enologo, Marilisa ne è la responsabile commerciale, mentre Walter si occupò della conduzione enologica. Ho scritto “si occupò” poiché Walter scomparse prematuramente nel 2003.

    Siamo capitati in una splendida giornata di inizio inverno ed il titolare Franco Allegrini, ci ha fatto da cicerone portandoci a spasso tra quei filari. Lo scopo della visita deriva dal fatto che i vini che si ricavano da questo podere saranno oggetti poi della mini-verticale raccontata in seguito.

    Come dicevamo, il Podere La Grola gode di un microclima eccezionale. Siamo a 280 m. s.l.m. e l’esposizione è orientata a sud-est, usufruisce di una costante ventilazione e dell’influsso mitigante del vicino Lago di Garda, mentre a Nord è “protetto” dalle sommità del monte Pastello. I terreni sono di composizione argilloso-calcarei, ricchi in potassio e calcio, pochissima terra e molto scheletro.

    Sulla sommità di questo podere vi è il prestigioso cru di soli 2,5 ha denominato La Poja e coltivato esclusivamente a Corvina Veronese nella sottovarietà chiamata Corvina Gentile. Il terreno e composto, per la quasi totalità, da pietre di calcare dotati di una superficie bianca capace di riflettere la luce solare e garantire la perfetta maturità delle uve. Anche in annate più difficili. Oggi le viti hanno più di 30 anni e la storia dei vini prodotti da questo vigneto, hanno dimostrato al mondo le qualità di questo vitigno e la capacità di produrre grandi vini rossi anche senza la “forzatura” dell’appassimento preventivo delle uve. E contribuendo alla rinascita enologica della Valpolicella, in un passato non poi così lontano.

    Si racconta inoltre che la nascita della varietà autoctona Corvina Gentile “a graspo rosso“, sia nata proprio in questo podere. Forma un grappolo spargolo e quindi trova la sua collocazione ideale poiché è favorevole per le caratteristiche ventilate di questo cru. Questa caratteristica gli permette appunto di mantenere sempre le uve asciutte e in perfetto stato sanitario. Infatti la leggenda narra che in passato esistessero solo uve bianche in questa zona, ma presto un corvo (chiamato appunto Grola in dialetto veneto) che fu grato ad un viticoltore per le innumerevoli cure che gli prestò, donò il colore del suo piumaggio a questa varietà che divenne presto la base dei vini prodotti in Valpolicella e prese il nome dunque di Corvina.

    Nel 1989, viste le caratteristiche del suolo e della particolarità della zona ad essere sempre ventilata, la famiglia Allegrini decise di impiantare delle viti di Syrah e di usarle dunque insieme alla Corvina nella composizione del taglio del vino La Grola. Le densità di impianto di questi vigneti sono tra i 4.200 ceppi per ettaro di quelli piantati nel 1979 ai 6.500 per quelli piantati successivamente, mentre le rese si aggirano tra i 50 ed i 60 hl a seconda delle annate.

    Ogni zona che si rispetti ha la propria “croce”…

    …ed i propri cipressi. :-)

    Nella foto successiva si vede benissimo sullo sfondo il podere La Grola con i suoi bellissimi terrazzamenti, vista da un piazzale sulla collina che si trova proprio di fronte.

    Seconda tappa del nostro Vineyard Tour è il podere Villa Cavarena.

    E’ una delle più recenti acquisizioni della famiglia Allegrini, almeno per quanto riguarda la Valpolicella. Acquistata nel 1998 in completo stato di abbandono, in breve tempo è divenuto uno dei vigneti più importanti della Valpolicella per estensione e per le caratteristiche della sua ubicazione dove, in giornate nitide, si vede tutto lo splendore della denominazione nelle sue tre vallate. Situato nella frazione Mazzurega del comune di Fumane, la sua posizione è tra le più alte della zona trovandosi a 500 m. s.l.m.. Si estende su bellissimi terrazzamenti per una superficie complessiva di 20 ha, di cui 13 vitati. La composizione del suolo è di origine calcarea, ricco di scheletro. La densità di impianto è di 4.545 ceppi per ettaro e le uve coltivate godono di un microclima ideale per ventilazione ed esposizione e sono di Corvina Veronese, Corvinone, Rondinella e Oseleta.

    Facciamo ritorno nella sede dove si svolgerà la degustazione: Villa della Torre.

    Acquistata nel 2008 dalla famiglia Allegrini, Villa della Torre è una residenza rinascimentale terminata nel 1560. Nata dalla volontà di Giulio Della Torre, intellettuale di grande cultura di quell’epoca. L’originalità di questa struttura è da ricercare nella sua concezione, poiché è nata come residenza legata alle attività agricole, ma pensata anche come luogo per la pace del corpo e dell’anima secondo i canoni fissati dagli scrittori della latinità.

    Al centro della Villa troviamo quello che viene chiamato “Peristilio“, il cuore della residenza, secondo uno schema chiuso che ricorda la domus romana.

    Un giro nei vigneti adiacenti la villa

    La sala che ha accolto gli ospiti per la degustazione

    Marilisa Allegrini

    La “fotografa” ufficiale Silvia Allegrini, nipote di Franco e Marilisa.

    Si comincia…

    87/100 – Veronese IGT La Grola 2001

    Annata da ritenersi favorevole dato il buona andamento climatico della vite. Il deficit idrico del mese di Agosto è stato compensato con le piogge che sono cadute nella prima settimana di settembre e la maturazione delle uve è arrivata anticipatamente rispetto alla media e con concentrazioni zuccherine piuttosto elevate.
    Il profilo aromatico in questo millesimo esalta in grande stile il carattere e la prestanza della Corvina. Un frutto solare, caloroso, dal grande appeal e molto immediato fin dalle prime battute, esaltato da note balsamiche e mentolate che danno ricchezza e freschezza in fase olfattivo, mentre le sfumature date dalla Syrah (l’altro vitigno che complementa la Corvina nel blend di questo vino) allargano il dettaglio verso note speziate piccanti e pepate. Legno ancora in bella mostra. Al palato segue con estrema coerenza quanto è stato dettato al naso, una trama tannica fitta e minuta, intrecciano con finezza la bella struttura di questo vino che sul finale non risulta mai cedevole in quanto sostenuto con vigoria dall’acidità.

    84/100 – Veronese IGT La Grola 1998

    Annata decisamente meno importante di quella raccontata in precedenza, caratterizzata anche da piogge inferiori alla media nel periodo estivo, mentre ha recuperato l’equilibrio con quelle cadute a metà settembre, per poi rallentare le operazioni di vendemmia per le abbondanti precipitazioni cadute nella prima decade di ottobre.
    In fase olfattiva, questa versione risulta essere più sfumata e meno gagliarda della 2001, con un frutto che mostra accenni evolutivi più accentuati anche se più equilibrato tra il quadro aromatico del vino e quello del legno. Bagaglio olfattivo meno incisivo sulle note di piccoli frutti rossi, accenni floreali fragranti e lievi gradazioni speziate. Bocca meno nervosa sul piano dell’acidità ed è dotato di una trama tannica un po’ più grossolana nell’approccio e più asciutta in chiusura. Buona la struttura con un finale sicuramente meno evoluto e più articolato di quanto espresso al naso.

    86/100 – Veronese IGT La Grola 1997

    Annata dal timbro “caldo” per via delle scarse precipitazioni che hanno interessato l’estate di quell’anno e che si è protratto fino alla vendemmia. Tuttavia, a favore della maturità delle uve hanno giocato le escursioni termiche avvenute tra la notte e il giorno e la scarsità produttiva. Vini ricchi, di struttura e con alcolicità più elevate della media.
    La versione 1997 è esplosiva nell’intensità, con un tocco leggermente selvatico sulle prime che necessità di ossigenazione prima di sparire e lasciare spazio ad un frutto pieno con note di frutta rosso sotto spirito, floreale di violetta e note speziate dolci. Il frutto torna anche all’ingresso al palato con la complicità di una spinta alcolica rilevante ma ben sorretto da un’acidità che non lo fa cedere nell’apprezzamento. Il tannino è fitto e setoso anche se un po’ asciutto sul finale. Solido, pieno e ancora con qualche anno davanti a sé. Buona l’articolazione in chiusura.

    93/100 – Veronese IGT La Poja 2001

    Caratteristiche dell’annata che hanno già raccontato in occasione del racconto de La Grola 2001. Il vino è splendido nell’appeal e imponente nella struttura. Deborda complessità, vitalità e piacevolezza da tutti i pori che vanno ad esaltare una delle migliori versioni di La Poja mai fatte. Un vino che tuttavia non è fatto solo di muscoli e concentrazione, possiede un carattere terroso e ha la personalità del grande vino. La componente fruttata trova riscontro in una ciliegia succosa, nelle more mature e nella prugna sotto spirito, carattere floreale che è dettato da sentori di violette che si fanno più delicate ma che non soccombono sotto l’imponenza del frutto, le tonalità speziate hanno la piccantezza del pepe nero in grani e quelle più dolci della cannella. A chiudere un ventaglio ampio e articolato troviamo anche sfumature di tabacco ed eucalipto, oltre a tocchi di cioccolato fondente e mandorla tostata. Al palato continuano le emozioni con la stessa vitalità, grazie ad una freschezza acido-sapida che si interseca nella struttura, mettendo in risalto una trama tannica di grande fattura ed un’articolazione al limite dell’infinito. “Sei grande, grande, grande” cantava Mina.

    89/100 – Veronese IGT La Poja 2000

    Un inverno poco piovoso ed una primavera calda e soleggiata, hanno fatto da preludio ad un’estate che oggi facciamo più fatica a ricordarci, in quanto la 2003 ha preso il monopolio nelle nostre menti. Temperature sopra la media e piogge scarse hanno ulteriormente contribuito alla maturazione anticipata delle uve. I tratti caratteriali sono dunque quelli dell’annata calda, con un frutto decisamente più in fase evolutiva, con un carattere speziato più “dolce” e marcato rispetto al campione degustato in precedenza. Bisognoso di ossigenazione per offrire un carattere più ampio e completo, dove emergono sfumature di mirtilli e more in confettura, visciole sotto spirito, rosa appassita, sfumature mentolate e tabacco biondo. Al palato possiede spalla e tenacia con un bellissimo grado di morbidezza aiutato da una spinta alcolica che riempie e allarga lo spessore, mettendo in bella evidenza la vivacità del tannino e quella della scia acido-sapida. Buona articolazione in chiusura con un finale più sfumato ma comunque di bellissima finezza.

    88/100 – Veronese IGT La Poja 1997

    Caratteristiche dell’annata che hanno già raccontato in occasione del racconto de La Grola 1997. La veste è di  un bellissimo colore tra il rubino ed il granato, un po’ più cupo nelle sfumature se paragonato ai due campioni degustati precedentemente. Il profilo olfattivo è di grande calorosità nel frutto ed è molto pronunciata nella fase vanigliata-speziata. Si apre con sensazioni che ricordano la marasca sotto spirito, il tabacco mentolato, il cacao amaro, l’anice, la cannella ed i chiodi di garofano. Di grande appeal nella sua voluttuosità, di buona struttura, salda e decisa, forte di un tannino vivace nella proposta ma dalla chiusura più asciutta. La freschezza è ben pronunciata, mentre sul finale rimane più sfumata nella riproposta del corredo aromatico, meno di quanto si era percepita al naso per intensità. Nel complesso un bel vino, anche se in alcuni tratti ha un po’ subìto la prestanza dei due millesimi degustati prima.

    Al termine di questa degustazione, Franco Allegrini ci ha voluto deliziare con un gradevolissimo fuori programma…

    94/100 – Recioto della Valpolicella Classico Giovanni Allegrini 2000

    Un fantastico esempio di Recioto che porta il nome autoritario del fondatore aziendale Giovanni Allegrini. Viene ottenuto solo con le uve migliori, raccolte con estrema cura e poi fatte appassire. Vengono portate poi in vinificazione quando gli Allegrini decidono che abbia raggiunto il suo apice, il suo stile racconta di un vino che non vuole mai apparire con un forte carattere “reciotato”, ma dove si vuole prediligere il frutto e soprattutto l’equilibrio gustativo tra struttura, zuccheri, acidità e trama tannica. Colore granato di grande profondità cromatica, luminoso e splendente nelle rifrazioni. Note di amarene in confettura, la croccantezza di un Boero con la ricchezza della ciliegia sotto spirito e le note di cioccolato, prugne disidratate, fichi secchi, liquirizia e fresche note balsamiche. Al palato colpisce subito per l’avvolgenza e per quell’equilibrio menzionato prima, dove nessun elemento tende emergere e con la spinta alcolica che trova la giusta complicità con la scia acido-sapida. Senza mai apparire stucchevole. Finale lungo e bello, immaginabile come quello di uno dei propri film preferiti.

    I vini che hanno accompagnato il pranzo

    I piatti sono stati preparati sotto la supervisione della fantastica padrona di casa Marilisa Allegrini

    Un giro per la cucina della Villa della Torre

    In serata è giunto il momento dei festeggiamenti de La Galzéga. Questo è il termine che veniva usato quando il proprietario di un edificio offriva il pranzo ai lavoratori che hanno contribuito alla realizzazione di una costruzione abitativa. Questo termine è stato preso in “prestito” dalla famiglia Allegrini e oggi testimonia la festa che viene fatta al termine delle vendemmie, ospitando amici, conoscenti e tutti i dipendenti delle varie tenute.

    I festeggiamenti della Galzéga di Allegrini si svolgono all’interno delle sale della Villa della Torre e ospitano annualmente rassegne teatrali, recite, balli e canti per celebrare le uve della nuova annata.

    Alcuni momenti della festa…

    Marilisa Allegrini fa gli onori di casa presentando i protagonisti della recita

    Alessandro, Raffaella e Tommaso hanno deliziato gli ospiti presenti con la novella che narrava di un incontro tra Lessinia ed il Monte Baldo e del loro corteggiamento. Storia che si è conclusa con il loro matrimonio e la nascita della Valpolicella

    Cena

    Brindisi finale

    Arrivederci all’edizione 2013.

    Credits:

    Az. Agr. Allegrini
    Via Giare, 9/11
    37022 Fumane di Valpolicella (VR)

    Tel: +39 045 6832011
    Fax: +39 045 7701774

    Sito Web: www.allegrini.it

    Indirizzo posta elettronica: info@allegrini.it

    Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. Sponsored By Amici Gourmet - Network esclusivo di appassionati Gourmet.

    Sei un appassionato Gourmet? Un addetto ai lavori? Un semplice nostro affezionato lettore? E non sei ancora titolare della Nostra Card esclusiva Viaggiatore Gourmet? Sostieni anche tu la nostra Guida Online Indipendente dedicata alle eccellenze e in cambio ricevi coccole e privilegi. Scopri come… QUI. Ti aspettiamo!

    Topics: Cantine&Vini, Degustazioni Vini, Le grandi "Verticali". | No Comments »

    Comments are closed.