Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner












  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    gennaio: 2013
    L M M G V S D
    « dic   feb »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Ristorante Stella – Domodossola (VB) – Chef/Patron Stefano Allegranza | Home | Cartoline Giornata Conviviale del Bue Grasso di Carrù @ Ristorante Antica Corona Reale – Cervere (CN) – Patron Renzo Vivalda, Chef Gian Piero Vivalda »

    “Vintage Collection” Ca’ del Bosco e Verticale Franciacorta Dosage Zerò ‘08, ‘01, ‘98, ‘93, ‘89, ‘83 e ‘76

    By EnoCentrico | gennaio 8, 2013

    Video sulla filosofia produttiva di Ca’ del Bosco.

    Articolo a cura di Ivano Antonini

    E’ facile pensare che un’azienda affermata come la Ca’ del Bosco, oggi possa vivere dall’alto della propria fama, forte dei suoi innumerevoli successi ottenuti in passato e nel presente. Tuttavia continua a sorprenderci con continue novità, andando sempre a perfezionare il processo produttivo con lo scopo di migliorare i propri obiettivi qualitativi.
    Per arrivare a questi livelli non sono pochi gli investimenti che sono stati effettuati nel corso degli anni, eseguiti anche in anni apparentemente difficili; pionieri in terra franciacortina e capitanati da quel caparbio condottiero che risponde al nome di Maurizio Zanella. Maurizio ha avuto la forza di volontà, la voglia e aggiungiamoci pure un pizzico di fortuna che in questi casi serve sempre, nel piantare vigneti nelle zone più vocate, arrivando nella situazione attuale a condurre 160 ha di vigna, tutti di proprietà. I vigneti adesso hanno raggiunto un’età media di circa vent’anni, sono stati piantati a delle densità che superano i 5.000 ceppi per ettaro e in alcuni casi raggiungono anche i 10.000. La conduzione dei vigneti segue il protocollo della viticoltura integrata, ma si sta anche sperimentando, su parte di essi, la conversione verso la viticoltura biologica. Queste sono dunque le basi del lavoro che hanno giocato un ruolo fondamentale per catapultare questa azienda ai vertici qualitativi in Franciacorta. E non solo.

    Nel mondo enologico si usa dire che il grande vino nasce in vigna, ma voi provate solo a pensare per un attimo che cosa sarebbe diventato per molti vini oggi, se non ci fossero stati i fattori “uomo” e “tecnologia” a supporto dell’importante lavoro svolto nei vigneti. Il fattore “uomo” per Ca’ del Bosco, è stato fondamentale per arrivare ai risultati acquisiti e traducibile con il grande lavoro fatto da Maurizio Zanella nel tempo, compreso quello di aver portato ad Erbusco nel 1979 (mica l’altro ieri…), un certo André Dubois “strappato” alla Dom Pérignon dopo anni di onorato servizio e una fulgida carriera. Ma poi… diciamocelo chiaramente… uno che si chiama Dubois e di mestiere fa lo chef de cave, dove volete che vada a operare se non alla Ca’ del Bosco? Monsieur Dubois è stato importantissimo per lo start-up dell’azienda, fino ad arrivare all’anno 1986 quando gli viene affiancato un giovane di belle speranze di nome Stefano Capelli, oggi ancora in forza presso la casa di Erbusco e divenuto l’attuale direttore tecnico. Uno dei segreti, ad esempio, che si impara dalle grandi case d’oltralpe, è quello di mantenere lo stesso “chef de cave” per diversi decenni. Importante è, infatti, che il suo naso ed il suo palato siano “al servizio” di uno “stile maison” per la realizzazione delle cuvées aziendali nel corso del tempo. E non importa se si tratti delle Cuvée più importanti o del suo Brut non millesimato più semplicemente. Il bagaglio di esperienza di un enologo è importantissimo, quando costui si ritrova a produrre grandi vini con il metodo champenois. In fase di creazione, ci vuole un grandissimo savoir-faire, poiché deve creare assemblaggi partendo da basi “grezze”, unendo vini con forti acidità nelle varie cuvée che possono includere anche centinaia di parcelle e in quello stesso momento deve pensare al vino che diventerà dopo tre, cinque, ma anche sette anni di affinamento sui lieviti, considerando che questi vini, una volta che andranno in bottiglia per incominciare a dare vita a quelle magiche bollicine, non potranno più essere “corretti” e nemmeno “aggiustati”. Ricordiamo con piacere un nostro incontro di alcuni anni fa, con lo stesso Stefano Capelli dove ci ha spiegato molto bene e in maniera esaustiva, l’importanza del suo lavoro. Racconto che lo trovate recensito qui.

    La tecnologia, dicevamo, ha la sua importanza e in questo la Ca’ del Bosco è tra le più innovative al mondo (Anche questo vi è stato raccontato con dovizia di particolari in una nostra passata recensione). Ma la grandezza di una azienda la si misura anche dal suo grado di evolversi e perfezionarsi. Ecco quindi la vera novità, perfezionata dunque con la vendemmia 2008, e che ha portato alla creazione del “Metodo Ca’ del Bosco“, raccontato attraverso le bellissime immagini del video di apertura, e la conseguente svolta nel packaging dei millesimati con la creazione del brand chiamato “Vintage Collection“.

    Punto cardine di questo metodo è il lavaggio dell’uva. Pratica che abbiamo già visto e che vi abbiamo già raccontato durante una nostra visita da Pojer & Sandri. Questa tecnica consiste di trasportare i grappoli su dei tapis roulants e “docciarli” con una soluzione di acqua e di acido citrico. Quest’ultimo viene utilizzato in quanto è un “legante” di metalli e in grado di trattenere tutte le impurità presenti sulla buccia dell’acino, compresi i residui dei trattamenti utilizzati in vigna e dare modo ai lieviti indigeni di fare il loro lavoro in condizioni più che ottimali. In seguito le uve passano in una vasca idromassaggio, dove il massaggio serve per “staccare” letteralmente le impurità dalla buccia stessa, prima di passare alla fase di asciugatura e pronte così per la pressatura. Nelle presse in dotazione presso la casa vinicola di Erbusco, le operazioni avvengono in maniera molto soffice e in condizioni “ambientali” di bassa pressione. Punti di vantaggio di queste lavorazioni, sono quelli di abbassare dunque la flora microbica dei mosti e di limitare l’ossigeno in pressa, con la logica conseguenza di ridurre l’utilizzo dei solfiti ai minimi termini.

    Con il millesimo 2008 dunque si sono registrati dei parametri di Anidride Solforosa totale, dopo la sboccatura e prima della tappatura finale, che si sono attestati ben al di sotto dei 50 mg/l, quando il limite legale è di 185 mg/l. Questi parametri vengono indicati nelle contro-etichette di ciascuna bottiglia numerata, insieme alla data di sboccatura.

    Terminato il racconto della fase pratica, passiamo ora a quello delle degustazioni delle tre Cuvée della Vintage Collection e poi a quello dei vini che si sono resi protagonisti della bellissima verticale di Dosage Zerò.

    92/100 – Franciacorta Dosage Zerò Vintage Collection Ca’ del Bosco 2008

    Annata partita lentamente in fase di germogliamento e coincisa con la fioritura tardiva della vite. Con il passare dei mesi ha sorpreso per la regolarità nel decorso della maturazione grazie ad un’estate non caldissima e rinfrescata da periodici temporali. Ci sono state pertanto delle difficoltà per tenere a freno la vigoria della vite, ma nelle settimane precedenti la vendemmia il bel tempo ha contribuito a portare questa annata su livelli eccezionali. Il Franciacorta che abbiamo davanti è un sfolgorante esempio della classicità del Dosage Zerò di Ca’ del Bosco, partendo dal ventaglio olfattivo focalizzato sulla frutta matura, le sfumature agrumate e le note verdi e rinfrescanti dettate dalla felce, dall’anice e dall’eucalipto. Chiave di lettura diretta, appariscente e molto vigorosa, tanto quanto lo è anche in fase gustativa, dove la progressione è dettata dalla scintillante vena acido-sapida che chiude con la fase retro-olfattiva dalla grande articolazione. Un quadro che però acquisterà maggiori tinte e sfumature nel prossimo futuro. Un Franciacorta da conservare.

    92/100 – Franciacorta Satèn Vintage Collection Ca’ del Bosco 2008

    Ricalca le stesse orme del suo fratellino descritto in precedenza, in quanto figlio della medesima e splendida annata. Sul piano dell’energia, della maturità del quadro olfattivo e della pienezza al gusto ha ben pochi rivali. Il Satèn dell’azienda condotta da Maurizio Zanella emerge sempre per un carattere autoritario, con un’impostazione meno “dolciastra” del frutto rispetto ad altri esempi di categoria franciacortina, andando ad incidere al naso con una firma esotica, agrumata e da note di frutta secca. Per quanto riguarda invece il carattere lievitato, affiora un’indole più fragrante e meno predisposta a quella più mielosa. Ne guadagna dunque in versatilità e piacevolezza di beva, infatti il gusto riscontriamo pienezza, una struttura ben supportata dalla freschezza e da una carbonica sottile e carezzevole. Ottima anche la persistenza che va a chiudere un quadro generale considerevole per la tipologia. Un Franciacorta da godere.

    90/100 (?) – Franciacorta Brut Vintage Collection Ca’ del Bosco 2008

    Il Brut millesimato, a mio personalissimo modo di vedere, sta attraversando un periodo di chiusura in questa fase dell’evoluzione. Molto composto e misurato nell’approccio, il naso risulta tuttavia restìo a concedersi. Con il passare dei minuti progredisce e si amplifica, ma non a sufficienza per dare un giudizio chiaro a questo vino. Note di mela golden, albicocca matura e banana, un leggero accenno ad alcune note più dolci di strudel e pasticceria secca, sul finale emerge una gradazione lievitata che sfocia nella sensazione del pane caldo appena sfornato. Bocca coerente con quanto percepito al naso. Tutto sommato, questo Brut millesimato è un chiaro esempio nella tessitura elegante e nella precisione per quanto riguarda la cura del dettaglio, tipiche della prestigiosa casa di Erbusco. Progressione olfattiva un po’ timida sulle prime e che prende maggiore consapevolezza solo con il progredire del tempo. Un Franciacorta da temporeggiare.

    Premessa. Tutti i vini, a parte il millesimo 2008, sono stati sboccati per l’evento e quindi non vanno assolutamente confrontati con gli stessi millesimi che eventualmente si potrebbero trovare in commercio, in quanto è sostanziale la differenza del tempo che questi hanno passato maggiormente “sui lieviti” rispetto agli “originali”.

    91/100 – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 2001

    Con questa 2001 che abbiamo nel bicchiere, ritorniamo dunque a parlare della tipologia senza dosaggio della casa franciacortina. Stefano Capelli ci parla del millesimo 2001 come uno tra quelli più atipici che abbia mai vissuto nella sua esperienza in Ca’ del Bosco.La fase invernale a cavallo tra la 2000 e la 2001 si è resa interprete come tra le più piovose di sempre, mentre da giugno in poi si sono susseguite delle giornate tra le più assolate e stabili. Sole e caldo hanno quindi portato ad anticipare le maturazioni con le vendemmie che sono cominciate il 20 agosto. Millesimo che può essere considerato comunque eccellente sotto l’aspetto organolettico dei vini generati. Giallo dorato intenso e luminoso nelle sfumature del colore, questo Dosage Zerò brilla di luce propria. Preclude una fase aromatica che trova il concepimento nella grande maturità solare del frutto e dalla spinta prettamente esotica nelle sue variabili. Leggere sfumature di cedro candito, di melone e di pesca gialla, mentre la nota “vegetale” tipica di questo vino, resta un po’ tra le seconde linee in questa versione. Grande equilibrio gustativo, dove il corpo sprigiona il suo calore prima di lasciare il passo alla verticalità data dal taglio acido-sapido che nella 2001 si mostra particolarmente matura e meno nervosa di altri millesimi che assaggeremo dopo. In fase retro-olfattiva si conferma la solidità e la progressione perentoria del frutto.

    90/100 – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 1998

    Annata molto buona in linea generale, anche se non verrà ricordata tra le migliori di sempre. Quello che ha particolareggiato questo millesimo sono le due grandinate che hanno interessato la Franciacorta ed in particolare la seconda, arrivata il 3 luglio, ha colpito prevalentemente Erbusco. La grandine ha portato inevitabilmente ad una riduzione drastica delle uve presenti in vigna, che in molti casi ha raggiunto picchi del 60%. Molto meglio le condizioni climatiche verso il sopraggiungere delle vendemmie e che hanno permesso ai produttori di raccogliere le proprie uve in perfetto stato sanitario. Vino meno brillante e luminoso del precedente, con sfumature che possiedono qualche richiamo al verdolino. Quadro olfattivo meno incisivo e più “posato” della 2001 con richiami più croccanti del frutto. Mela golden, pera kaiser, anice, erba medica ed un tocco di mimosa a chiudere, mentre la parte terziaria riguarda note che richiamano al panettone coi canditi. In fase gustativa si presenta in punta di piedi, quasi “in pantofole” per il suo modo di approcciarsi in maniera più soffice, docile e cremosa. Carbonica vigorosa e robusta per un finale serrato da un’acidità spinta e da un taglio sapido evidente. Retro-olfattiva coerente con quanto rilevato al naso.

    87/100 – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 1993

    Annata dove il ciclo vegetativo è partito in ritardo, si è dovuto aspettare il mese di luglio per avere acqua a sufficienza per completare il ciclo. Le fasi vendemmiali si sono svolte nella norma in seguito a temporali che hanno interessato la fine di agosto e la prima parte di settembre. Una bella espressione del Dosage Zerò anche se meno importante sul piano della struttura e della complessità rispetto agli altri compagni di batteria. Tonalità giallo dorate luminose, naso che inizia in maniera debole la sua camminata, salvo poi riscattarsi dopo qualche boccata di ossigeno. Frutto fresco e fragrante nella sua espressività, note di bergamotto, confetto alla mandorla, panforte e miele, mentre il taglio vegetale qui è più evidente di altri. Nota lievitata tostata e appena accennata. Bocca di grande freschezza che accompagna un corpo sottile, vibrante e lineare, prima di una chiusura decisa e molto elegante nel ritorno fruttato.

    88/100 – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 1989

    Annata molto particolare per la Franciacorta e molto simile alla 2002, in quanto luglio e agosto sono stati i mesi più piovosi dell’anno. Problemi nella maturazione delle uve e in molte si è registrata la presenza della botrite. Di conseguenza si è dovuta effettuare una rigorosa selezione dei grappoli migliori. Il Franciacorta si è mostrato tuttavia pieno di vitalità, posizione non facile la sua all’interno di questa degustazione, in quanto al suo fianco si sedeva e cominciava già a far pressione quel fantastico Franciacorta recante l’83 sul collare che andremo a degustare successivamente. Colore brillante, dorato pieno, profondo. Naso senza cedimenti, fine, minuzioso e complesso, progredisce con il susseguirsi dei secondi. Dapprima abbiamo note che rimandano al mango, all’ananas, agli alchechengi, un tocco di dolcezza che ci fa sembrare di assaporare le fruit jelly alla banana, alla buccia del mandarino, aromi floreali di gelso e ginestra, frutta secca, mandorla tostata prima della solita e consueta pennellata di anice e felce. Parte speziata dominata dallo zenzero e dallo zafferano prima di sfociare nell’avvolgenza data dalle sfumature di  croissant caldo. Bocca cremosa, soave, con lievi accenni ossidativi sulle prime, salvo poi rinsaldarsi e prendere vigore grazie alla scia data dalla carbonica e con una spina dorsale rigida e resa robusta dall’acidità. Puntigliosa nel dettaglio e buona l’articolazione post gustativa.

    93/100 – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 1983

    Annata caratterizzata da una partenza titubante dovuta al maltempo e alle temperature piuttosto fredde che ne hanno posticipato la fioritura. Il mese di luglio invece non ha mai praticamente piovuto ed in particolar modo la canicola ha contribuito a rendere ancor più difficoltoso il ciclo produttivo della vite. Le vendemmie si sono compiute tardivamente rispetto alla norma e le uve sono state raccolte con un buon stato sanitario. Splendido esempio di un grande Franciacorta con la vitalità, l’energia e il nervosismo di un grande Dosage Zerò. Un naso esplosivo sul piano della complessità, irruento per intensità e travolgente per la passionalità che emana, incanta ed avvolge. Poliedrico nella sua espressività con un frutto centrato sulla mela cotogna matura, sull’ananas ed il tocco di esotismo dato dalla papaya. Florealità di violetta, ortica ed erbe aromatiche. Tocchi di cipria, incenso e minerva, mentre il lato agrumato è dominato dalle sensazioni di scorze d’arancia candita. Palato colto alla sprovvista in quanto la fase gustativa gioca su un registro diverso da quello respirato, apprezzato e descritto all’olfatto. Sempre appagante, complesso e di grande articolazione, ma con un approccio ancor più dinamico e croccante. Di acidità e di sapidità ne ha da vendere e queste fanno breccia in tutte le sfumature, scandendo la fase post gustativa con un ritmo cadenzato e dal grande allungo. Un Franciacorta da brividi. Passionale e appassionante.

    Per il millesimo 1976 sono state portate delle bottiglie conservate “in punta” e che sono state degorgiate “à la volée” direttamente in sala.

    s.v. – Franciacorta Dosage Zerò Ca’ del Bosco 1976

    Millesimo contrassegnato da somme termiche al di sotto delle medie. Temperature piuttosto fredde anche nei mesi estivi. Basse rese, vendemmie piuttosto ritardate e necessità di cernita dei grappoli migliori. Preferisco non esprimere un giudizio in centesimi, in quanto le bottiglie che sono state stappate e degorgiate al momento, presentavano spesso notevoli differenze da bottiglia a bottiglia. Di queste ho avuto occasione di assaggiare due variabili e la seconda in particolare era superlativa. Giallo dorato con sfumature luminose color ambra. Molto fine e minuto nella sua espressività, con una complessità che tende affiorare sul filo di lana per delicatezza e leggiadria. Evoluto, ma senza alcun cedimento ossidativo. Taglio fruttato anche in questo caso impostato sull’asse esotico-agrumato, di grande eleganza e finezza. Un quadro aromatico che resteremmo qui a descrivere per ore, per l’ampiezza e la sua atipicità con sensazioni che rimandano al limoncello artigianale, alla melissa, alla lavanda, note verdi di sottobosco e muschio, speziato di pepe bianco in grani e quel tocco aromatico pungente sul finale che richiama una grattata di tartufo nero di norcia. Bocca dapprima imperiosa per sostanza, carattere e verticalità, con la spalla acido-sapida che sorregge una tessitura della struttura che sembra ricamata all’uncinetto per quanto è precisa e minuziosa, con il passare dei secondi si rende più docile e minuta ma sempre con grande eleganza. Articolazione sul finale che si protrae con molta lunghezza con la stessa scrupolosità percepita all’olfatto. Un vino che è valso il viaggio. Un vino che rende ancor più incantevole il fascino della Franciacorta.

    Credits:

    Ca’ del Bosco s.p.a.
    Via Albano Zanella, 13
    25030 Erbusco (BS)

    Tel: +39 030 7766111
    Fax: +39 030 7268425

    Sito Web: www.cadelbosco.com

    Indirizzo posta elettronica: cadelbosco@cadelbosco.com

    Comitato Organizzatore:

    Gourmet’s International

    www.gourmetsi.com

    La Gourmet’s International è la società organizzatrice dell’International Wine Festival di Merano.

    Breaking News – Eventi Enogastronomici esclusivi. Sponsored By Amici Gourmet - Network esclusivo di appassionati Gourmet.

    Sei un appassionato Gourmet? Un addetto ai lavori? Un semplice nostro affezionato lettore? E non sei ancora titolare della Nostra Card esclusiva Viaggiatore Gourmet? Sostieni anche tu la nostra Guida Online Indipendente dedicata alle eccellenze e in cambio ricevi coccole e privilegi. Scopri come… QUI. Ti aspettiamo!

    Topics: Cantine&Vini, Degustazioni Vini, Eventi Enogastronomici | No Comments »

    Comments are closed.