Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner











  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    luglio: 2012
    L M M G V S D
    « giu   ago »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Castello & Palazzo Dal Pozzo 5* Rist. Le Fief – Oleggio Castello (NO) – GM Aimone Dal Pozzo, Chef Francesco Luoni | Home | Cartoline dal Gusto della Trasparenza – Lo chef Andrea Berton all’Eat’s Bistrot dell’Excelsior Milano – Milano »

    Ristorante Symposium 4 Stagioni con Camere – Cartoceto Serrungarina (PU) – Chef Lucio Pompili

    By ViaggiatoreGourmet | luglio 25, 2012

    Lucio Pompili è un abile conoscitore delle materie prime ed è considerato uno dei maestri della cucina di caccia. Ci aveva già conquistati durante il nostro primo passaggio al suo Symposium 4 Stagioni e così durante uno dei nostri tour enogastronomici nelle Marche non abbiamo resistito e ci siamo ritagliati il tempo necessario per una rilassante serata, nella quale abbiamo degustato la sua sontuosa cucina a base di cacciagione e pernottato in una delle belle camere

    Archivio storico reportage:

    -> Reportage dell’11 giugno 2011

    Il borsino delle guide cartacee 2012
    Michelin assegna una stella e tre coperti
    Espresso assegna 16,5/20
    Gambero Rosso assegna 88 e 50 alla cucina

    Le colline marchigiane tutte intorno al Symposium 4 Stagioni

    La piscina

    Il Ristorante

    Dehors

    L’ampio salone d’ingresso

    Ricevimento

    Una foto di repertorio con un Moreno Cedroni giovanissimo tra gli altri

    Sala e Tavoli

    Tavola e mise en place

    La teca dei distillati

    Menù

    Riportiamo, come sempre, i menù degustazione e quello alla carta.

    Bricolage

    Tre piatti scelti da voi e due vini scelti da noi

    Menù completo € 75

    Degustazione della mia cucina

    Un percorso di sei portate con vini abbinati

    Menù completo € 125

    Caccia

    Il menù preferito di Lucio, un viaggio alla scoperta della Regina del Bosco, composto da cinque portate con vini abbinati
    Menù completo € 100

    Per due

    Cena composta da 4 portate e vini abbinati, pernotto in camera superior e prima colazione

    Proposta completa € 250

    Per due under 30

    Cena composta da 4 portate e vini abbinati, pernotto in camera superior e prima colazione

    Proposta completa € 200

    Week end scegli tu

    Non necessariamente sabato e domenica, ma due giorni consecutivi a scelta. Due pernotti con colazione, due cene con vini, un food tour con degustazione in fattoria e la possibilità di adottare un maiale a distanza

    Menù completo € 450

    Il menù alla carta

    Antipasti

    Rodolfo apetizer: vino abbinato a un piccolo spuntino € 5,00
    Coniglio di Duilio: polpa e costine, fegatino al suo sughetto e verdurine € 15,00
    Panino d’anatra selvatica con maionese di caprino ed erbette € 15,00
    Insalata del post machì: insalate di campo selvagge, goletta abbrustolita e mentastro condito con vinaigrette all’olio Dop Cartoceto e acciuga € 15,00
    Agnello di Michele: filetto di agnello, aglio, olio, peperoncino, cetriolo, carambola

    Primi piatti

    Risotto Pepe Corno, ricordo di un viaggio in Brasile: risotto carnaroli gran riserva mantecato al limone, mentuccia e pepe € 15,00
    Raviolo fatto cotto e mangiato: fatto espresso, variabile nella farcia, coulis di pomodoro e basilico € 15,00
    Pappagnocco di Cantiano: pappardelle di patate fatte in casa con sugo leggero di cinghiale e capriolo € 15,00
    Trennette Columbro: pasta trafilata a Fano e mangiata a Serrungarina, salsa di prezzemolo liquido, aglio, pinoli e alici € 15,00

    Secondi

    Lo spiedo in piedi Artù: fa parte dei ferri del mestiere, un mio progetto di ripensare e fabbricare; si cucina la caccia secondo disponibilità € 25,00
    Tagliata di marchigiana rosolata in piastra e tagliata, sale grosso, olio e verdure € 25,00
    Lombo di cinghiale con cotenna: ricordo di porchetta arrosto, purea di patate di Sampiano con salsiccetta, mele e zenzero € 25,00
    Spalla di cinghiale del mio allevamento in pasticciata alla pesarese con spuma di cipolle, grué di cioccolato e cedro candito € 25,00
    Galletto del pollaio a ritroso: cucinato sottovuoto a bassa temperatura, arrostito al forno con aglio e rosmarino, crostino con la sua finanziera € 25,00

    Dessert

    Gelato cocomero e rum: granita e succo di cocomero emulsionata con rum e mentuccia € 10,00
    Zuppetta di frutta: frutta fresca con gelatina del suo succo e gelato € 10,00
    Yogurt: sfera di yogurt con frutta muesli e amarene di Cantiano € 10,00
    Carota sottoterra: omaggio a Cartoceto, l’idea è quella della carota in pinzimonio € 10,00
    Pane e mele: il ricordo di mio nonno Pasquale, che la sera vicino al fuoco abbrustoliva il pane, cuoceva una mela al coccio, la spalmava sul pane, tazza di latte… Quella era la cena € 10,00
    Torta al formaggio: biscotto ai cereali, emulsione di formaggio e asparagi, cremoso alle mandorle, lampadina di zucchero con spuma di ananas € 10,00
    Soufflé di cioccolato: emulsione impareggiabile e libidinosa per gli amanti del soffice € 10,00
    Tortino al cioccolato al cuore fondente imparato all’ École du Grand Chocolat a Tain-l’Hermitage con il maestro Frederic Bau: ha fatto il giro del mondo e quando lo tagli il suo cuore è tenero € 10,00
    Crème brûlée: emulsione di uova del mio pollaio con miele di castagno, zucchero di canna bruciata al cannello € 10,00

    I fornitori

    Carni: sparate e allevate da Lucio nei comuni della Dop Cartoceto
    Verdure: l’orto di Lucio; F.lli Jacucci
    Formaggi: Beltrami, Cartoceto; Trionfi Honarati, Jesi

    Carta dei vini [18/20] (dettaglio)
    Tra le bollicine più rappresentative segnaliamo: Franciacorta Docg Cuvée Annamaria Clementi 1992 Ca’ del Bosco; Champagne Krug Blanc de Blancs Clos du Mensil 1988; Champagne Brut Grand Année 1990 Bollinger. Tra i vini bianchi: Chablis Grand Cru 1995 Domaine Laroche; Montracheg Grand Cru 2000 Joseph Drouhin; Langhe Doc Gaja&Rej 1985 Magnum Gaja. Tra i vini rossi: Rosso Conero Doc Cùmaro 1990 Umani Ronchi; Amarone della Valpolicella Doc Riserva 1981 Quintarelli; Barolo Docg Riserva Monfortino 1982 Giacomo Conterno. Tra i vini da dessert: Sauternes Premier Cru Supérieur Château d’Yquem 1983 Château d’Yquem; Vintage Port Quinta da Roeda 1967 Quinta do Noval. Curiosità: le bottiglie meno care sono diverse a € 20, quella più costosa è Sauternes Premier Cru Supérieur Château d’Yquem 1984 Mathusalem Château d’Yquem (€ 6000).

    Abbinamento Vini
    Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

    Aperitivo all’esterno

    Spumante Metodo Classico Rosé Stefano Antonucci - Santa Barbara

    Stefano Antonucci è il protagonista indiscusso di questa sempre più emergente realtà marchigiana. Oltre ai vitigni autoctoni, Verdicchio in primis, sono valorizzati con altrettanta abilità anche quelli più internazionali, come nel caso di questo rosé, prodotto con il 60% di Chardonnay e il 40% di Pinot Nero.

    Selezione di salumi di cinghiale e maiale di nostra produzione con focaccia al sale e rosmarino [+++++]

    Pane [+++++]

    Tipologie del pane: bianco; con grano spezzato; grissini stirati. Il pane è realizzato con lievito madre e farine derivanti da selezione di grani d’altura, coltivati sopra i 300 m.

    Cartoceto Dop Olio Extra Vergine d’Oliva – Bianchini

    Il forte attaccamento al territorio traspare anche dalla scelta dell’olio, di Cartoceto appunto. Un fruttato intenso composto da un ricco blend di cultivar: Leccino, Raggiola, Frantoio, Moraiolo, Pendolino e Maurino.

    Piattooo!

    Amuse bouche: fiore di zucca in tempura ripieno di cremoso al caprino su panzanella [+++++]

    L’esordio è sfizioso: la ricetta toscana di pane raffermo e pomodoro è valorizzata da questo fiore croccante; i toni acidi e freschi della panzanella lavano la sapidità del caprino, cremoso come cuore del frittino.

    Champagne Brut Blanc de Blancs – Ruinart

    Il vino più rappresentativo di questo storica maison, realizzato con Chardonnay proveniente dai Premier Cru della Côte des Blancs e della Montagne de Reims. Segnato da un bouquet fruttato in cui dominano gli agrumi, alternati a fini incursioni speziate.

    Petto di fagianella steccato al tartufo nero estivo, purea di frutti aciduli e radici del nostro orto [17/20]

    Il primo antipasto manifesta profumi selvatici e atmosfere quasi autunnali: il sapore armonico e asciutto della fagianella è caricato dal tartufo nero estivo. L’inebriante mix è impreziosito poi dalla salsa acidulata e dalla delicatezza delle radici dell’orto, che come una corona di rose cingono la regina del piatto.

    Champagne Blanc de Blancs 2000 – De Venoge

    Uno dei vini più antichi dell’azienda, prodotto da metà ‘800 con Chardonnay proveniente dalla Côte des Blancs e da Sézannais, che rispettivamente conferiscono acidità e corpo in questa cuvée molto equilibrata.

    Royale di lepre, fichi, sambuco e malva [17,5/20]

    Piatto simbolo della cucina borghese francese dell’800, la lièvre à la royale è rivisitata qui da Lucio Pompili. Il profumo di selvaggina inonda i commensali, mentre i toni di ambra scura e rosa predominano nel piatto. La lepre è satura di salsa, le sfumature dolci di fico e sambuco impregnano la morbidezza della carne, la malva sorprende il palato. Eccezionale!

    Filettino di cinghiale alla senape con il suo rognone, salsa bernese e rucola selvatica [17/20]

    Si prosegue all’insegna della selvaggina. Il filetto di cinghiale è insaporito in cottura dalla senape, steso su un delicato letto di salsa bernese e lamelle del proprio rognone. Grassezza, gusto deciso e note speziate esaltano questa carne prelibata. Pulisce e sgrassa la primizia di rucola amara. Inizia a balenare l’idea di adottare un cinghiale, come propone Lucio!

    Lucio è sempre prodigo di nozioni e curiosità

    Fagottini di anatra, foie gras, lenticchie e nocciole [17/20]

    Quarta tappa in questa sorta di panegirico dei sapori di cacciagione. L’anatra è protagonista di questo primo: la pasta grezza dei fagottini avvolge il ripieno gustoso, mentre le note piene delle lenticchie e delle nocciole richiamano l’intensità della farcia. Il boccone perfetto si completa con la burrosità del fegato grasso. L’alto profilo degli antipasti non viene disatteso nel proseguo.

    Pappardelle di patate mantecate al sugo di caccia, pesto di basilico e pecorino di botte conciato con vinacce [17,5/20]

    Robusto primo dalle note invernali, che ben si confà alle Colline Pesaresi anche in questa stagione. La trafilatura dei paccheri accoglie divinamente questo ragù di cinghiale e capriolo al coltello, arricchendosi del pesto di basilico e della spolverata decisa di pecorino di botte.

    Marche Rosso Igt 2006 – Valturio

    Una delle aziende migliori delle Marche, tanto più meritevole quanto giovane, con i vigneti posti tra le scoscese colline del Montefeltro. È un sangiovese in purezza, fermentato e affinato in barrique per un anno. Dopo cinque anni appare davvero suadente, con tannini ben levigati e un portamento elegante.

    Coturnice in diverse cotture con salsa di bietole selvatiche, cedro e noce moscata ed erbette di campo ripassate [17/20]

    Il piatto emana succulenza solo a vedersi. Della coturnice, un uccello di medie dimensioni, ci vengono proposte tre parti, ovvero anca, petto e coscia preparate con cotture differenti per restituirci a pieno la seduzione dei suoi sapori. L’eleganza è conferita dalla purea di bietole, speziata dal cedro, dalla noce moscata e da delicate erbette ripassate.

    Colli Pesaresi Doc Riserva Insieme 2007 – Roberto Lucarelli

    Possente Sangiovese rifinito da un 15% di Cabernet Sauvignon. Alcuni dei vigneti si trovano proprio a Cartoceto. L’affinamento si protrae per due anni in barrique nuova. Il corpo di grande struttura e le sottili tinte speziate risultano superbe in abbinamento al nostro cinghiale.

    Spalla di cinghiale brasata su spuma di cipolle dolci, polvere di ginepro, grué di cioccolato e limone candito [17,5/20]

    Questo brasato di cinghiale riunisce la ghiottoneria delle carni di selvaggina e la cura elegante dello Chef. Tagli di squisita carne nappati dalla propria salsa sono fatti giacere sulla spuma dolce di cipolle bianche. Le note amare del grué di cioccolato, quelle speziate del ginepro e agrumate del limone candito sono capaci di dare un inedito smalto al piatto.

    La ricetta

    Ingredienti e procedimento

    Per la spuma di cipolle:

    1 kg di cipolle bianche pulite
    350 g di burro
    100 g di farina
    1 l di latte
    Brodo vegetale
    Sale
    Brodo vegetale
    2 cariche per sifone Isi Cream

    Preparare una julienne di cipolle e metterle ad appassire in una casseruola con il burro. Cuocere a fuoco lento e a tegame coperto per circa un’ora. Spolverare con la farina, mescolare bene onde evitare il formarsi di grumi, quindi bagnare con il latte, portare ad ebollizione ed aggiustare la densità con del brodo bollente. Aggiustare di sale. Raffreddare, riempire un sifone da 1/2 l e caricare con  le due cariche di gas. Portare a temperatura di servizio a bagnomaria a 80°C.

    Per la spalla:

    1 spalla di cinghiale
    1 carota
    1 costa di sedano
    1 cipolla
    6 bacche di ginepro
    2 foglie di alloro
    Qualche rametto di timo
    4 spicchi d’aglio
    1 l di Sangiovese
    1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
    2 fette di guanciale
    Olio evo dop Cartoceto
    Jus di cinghiale
    Sale
    Pepe

    Ricavare dalla spalla dei tagli regolari e rosolarli alla plancia con un filo di olio. In una casseruola, soffriggere delicatamente olio, sedano, carota e cipolla tagliate in brunoise,  aggiungere il ginepro, il timo, l’aglio e il guanciale. Aggiungere i tagli di spalla ben dorati, lasciarli insaporire nel fondo, quindi aggiungere il concentrato, il vino e lasciare ridurre. Proseguire la cottura con il jus di cinghiale per circa un’ora coperto. Aggiustare di sale e pepe.
    Scolare la carne e portarla a 3°. Eliminare il guanciale, l’aglio e le bacche di ginepro, quindi passare la salsa e raffreddarla. Inserire carne e salsa in un sacchetto sottovuoto, sigillare e cuocere a vapore per un’ora a 70°C.

    Finitura:

    Polvere di ginepro
    Limone candito
    Grué di cioccolato

    Spumare la crema di cipolla in una fondina, cospargere di polvere di ginepro, qualche cubetto di limone candito e della grué, al centro sistemare un trancio di spalla e nappare con la sua salsa.

    Carbonara in verticale [+++++]

    Chiudiamo con una carbonara i cui ingredienti basilari sono presentati a strati. Si parte dal fondo cremoso di tuorli d’uovo e Parmigiano, su cui poggiano le mezze maniche saltate con il grasso di rosolatura del guanciale e spolverate con del pepe. In cima il guanciale croccante e un filangé di tartufo nero. Anche a fine pasto, lo spazio per una squisitezza del genere si trova senza problemi!

    Vino e Visciole – Morello Austera

    Questa azienda situata ai piedi del Monte Catria, sempre nel pesarese, ha rispolverato l’antico uso di mescere il vino con spezie e profumi. Nella provincia di Pesaro è tradizionale l’uso delle visciole, che sono in questo caso state aggiunte fresche a un Sangiovese con 10 mesi di affinamento in acciaio.

    Sfera ghiacciata di yogurt, stracciatella, frutta secca, mandorle e nocciole caramellate e sciroppo caldo di visciola di Cantiano [17/20]

    Il primo dessert è a due fasi: la sfera ghiacciata di yogurt e stracciatella, inizialmente servita a sé, viene ricoperta da un tripudio caldo di visciole in salsa. Le ciliegie selvatiche investono il gelato e questo binomio caldo-freddo è arricchito da un pot-pourri di mandorle, nocciole caramellate e frutta secca. Davvero eccellente la scelta dell’abbinamento con il vino alle visciole.

    Pane e mele [16,5/20]

    Un ricordo di infanzia dolce e nostalgico dello Chef si incarna in questo dessert. Come il nonno di Lucio arrostiva del pane e una mela con dello zucchero, così quegli stessi ingredienti vengono riutilizzati oggi: il pane è ammollato in latte di capra e aromi, le mele concentrate nei loro più intensi profumi nel forno e la mou e il gelato riconciliano con il passato. È proprio il caso di dire che la bontà non ha tempo.

    La ricetta

    Ingredienti e procedimento

    Per il pane:

    ½ kg di pane di Chiaserna tagliato a tronchetti
    1 l di latte di capra
    200 g di uova di gallina
    250 g di zucchero
    5 bacche di cardamomo

    Miscelare gli ingredienti e mettere in ammollo il pane.

    Per le mele:

    5 mele rosa dei Sibillini
    50 g di zucchero di canna
    1 bicchiere di vino bianco secco
    10 g di colla di pesce
    Succo di mela
    Clorofilla
    Gelatina vegetale

    Sistemare le mele in una teglia, cospargerle di zucchero e bagnare il fondo con il vino. Cuocere in forno a 180°C per circa 30 minuti. Spolpare, frullare, passare al colino e aggiungere la gelatina ammollata e strizzata. Lasciare rapprendere in frigorifero. Montare in planetaria e colare negli stampi a forma di spicchio di mela.

    Per la mou:

    500 g di panna
    250 g di zucchero di canna
    30 g di acqua
    10 g di sale

    Caramellare lo zucchero con l’acqua e scuocere con la panna. Aggiungere il sale e conservare.

    Per il gelato al fior di latte:

    2900 g di latte
    900 g di panna
    500 g di zucchero
    200 g di glucosio
    250 g di destrosio
    250 g di latte in polvere magro
    50 g di Neutro 10

    Miscelare insieme le polveri, mescolare panna e latte e portarli a 40°C, aggiungere le polveri e raggiungere gli 85°C. Raffreddare e mantecare.

    Finitura:

    Aceto di mele cotogne
    Zucchero

    Scolare il pane, passarlo sullo zucchero e caramellarlo in padella. Praticare una pennellata di mou alla base del piatto, sistemandoci sopra da un lato il pane, a seguire lo spicchio di mela e la quenelle di gelato. Terminare con una spruzzata di aceto di mele cotogne.

    Caffè [+++++]

    Lucio Pompili ha preparato una miscela apposita di caffè selezionati da lui. A parte è stata servita una granita all’anice.

    La camera Il Canto del Verzellino

    Il bagno

    La meravigliosa colazione [+++++]

    Uno degli scorci più suggestivi

    Un cadeau di Lucio… La “zolla” con i prodotti del suo orto

    Cucina

    Alla base dei piatti di Lucio c’è una grande conoscenza delle materie prime, che siano da lui stesso coltivate o che siano “semplicemente” selezionate poco importa. Conoscenza che diventa ancora più approfondita e scrupolosa quando il patron ha a che fare con la cacciagione e con i prodotti del territorio. Questa competenza gli permette di esaltarle al massimo per un riscontro al palato di grande impatto.

    Servizio

    Tutto funziona senza alcuna sbavatura.

    Accoglienza

    Quando Lucio e la sua famiglia hanno scelto di realizzare quattro camere, hanno optato consapevolmente per un approccio incentrato sul benessere del cliente a 360 gradi attraverso un’accoglienza calorosa ed ospitale.

    Conclusioni

    Al Symposium, immersi nella rasserenante campagna marchigiana, risulta davvero facile staccare dal tran tran cittadino e farsi ingolosire dall’ottima cucina di Lucio Pompili. Insomma una meta da non perdere, una cucina da provare… e riprovare.

    Valutazioni: [* * * * *]

    CucinaServizioLocationCantinaCoccole

    Viaggiatore Gourmet

    Ristorante Symposium 4 Stagioni
    61030 Cartoceto, Serrungarina (PU)
    Via Mombaroccese
    Tel. 0721 898320
    Il ristorante è chiuso lunedì e martedì e a mezzogiorno, escluso sabato e domenica
    E-mail: lucio@symposium4stagioni.it
    Sito internet:
    www.symposium4stagioni.it


    Visualizzazione ingrandita della mappa

    Topics: Pesaro e Urbino e provincia, Recensioni Marche, Reportage Ristoranti | 3 Comments »

    3 Responses to “Ristorante Symposium 4 Stagioni con Camere – Cartoceto Serrungarina (PU) – Chef Lucio Pompili”

    1. Ristorante Symposium 4 Stagioni – Cartoceto Serrungarina (PU) – Chef Lucio Pompili | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      agosto 2nd, 2012 at 11:42

      [...] -> Reportage del 25 luglio 2012 [...]

    2. Cartoline dalla Cena di Gala e Presentazione del Libro per i trentanni delle Soste @ Grand Hotel Principe di Savoia – Milano | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      dicembre 4th, 2012 at 08:47

      [...] Ristorante Symposium 4 Stagioni – Cartoceto Serrungarina (PU) – Chef Lucio Pompili Hotel Excelsior – Pesaro – Patron Nardo Filippetti, GM Elisa Giometti UMBRIA Provincia di Terni [...]

    3. Cartoline dall’Assemblea annuale dell’Associazione Le Soste presso l’Az. Agr. Martinenga delle Tenute Cisa Asinari dei Marchese di Grésy – Barbaresco (CN) | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      agosto 1st, 2013 at 18:50

      [...] Ristorante Symposium 4 Stagioni – Cartoceto Serrungarina (PU) – Chef Lucio Pompili Hotel Excelsior – Pesaro – Patron Nardo Filippetti, GM Elisa Giometti UMBRIA Provincia di Terni [...]