Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Eventi Media Partner

    Evento: World Pastry Stars

    img1

    Location: Four Seasons Hotel Milano

    Date: 18 e 19 Maggio 2014

    Per info: Clicca qui

    Evento: Io Bevo Così

    img1

    Location: Monastero del Lavello (LC)

    Date: 25 e 26 Maggio 2014

    Per info: Clicca qui

  • Premium Partner










  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    novembre: 2011
    L M M G V S D
    « ott   dic »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Cartoline dal 151mo Meeting Amici Gourmet Ristorante Principe Cerami del San Domenico Palace Hotel – Taormina (ME) – Chef Massimo Mantarro | Home | La Stüa de Michil dell’Hotel La Perla – Corvara (BZ) – Chef Arturo Spicocchi, Famiglia Costa »

    Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo – Patron Stefania e Giorgio Chiesa – Chef Juri Chiotti

    By ViaggiatoreGourmet | novembre 25, 2011

    NB Il locale ha cambiato gestione, pertanto questo reportage ha la semplice valenza di memoria storica

    Altra grande performance prevista da Nostradamus VG. Pensate che in questo ristorante, che visitiamo con soluzione di continuità assoluta, negli ultimi tre anni tre chef diversi e stella sempre confermata, forse la dimostrazione che in questo caso la stella è prima di tutto nel DNA dei Patron Stefania e Giorgio Chiesa… Ma andiamo a conoscere l’attuale Chef Resident

    Contributo VG-TV: intervista allo chef Juri Chiotti

    Archivio storico reportage:
    -> Reportage del 04 Maggio 2007
    -> Reportage del 11 Aprile 2008
    -> Master chef del 09 Agosto 2008
    -> Reportage del 20 Ottobre 2010

    Le guide cartacee
    Michelin assegna una una stella e tre coperti
    Espresso assegna 15 (nel 2011 17)
    Gambero Rosso assegna 85 e 52 alla cucina

    La squadra

    Patron

    Giorgio e Stefania Chiesa

    Lo staff di cucina

    Chef: Juri Chiotti (classe ’85)
    Sous chef: Diego Rossi (classe ’85)
    Pasticceria: Oh Yon Mi (classe ’79)
    Roxana Hreasca (classe ’88)

    Lo staff di sala

    Responsabile di sala: Michele Cuniberti (classe ’79)
    Chef de rang: Roberta Pappadopolo (classe ’89)

    Dehors e mise en place

    Prima di iniziare una sbirciata alla cucina

    Menu

    Riportiamo, come sempre, il menu degustazione e quello alla carta.

    Il giovane chef Juri Chiotti e la sua equipe si pregiano di proporre una cucina basata sulla qualità del prodotto, sulle ricette del territorio legate al comprensorio delle Alpi Marittime, che spazia quindi tra terra e mare. Un’attenzione particolare è dedicata alla cucina occitana e ai suoi piatti poveri; cambiando la stagione cambiava l’alimentazione adeguandosi ai prodotti che il territorio offriva nei vari periodi dell’anno. Così facciamo oggi noi… “La fam es’na bono cuziniro” – La fame è una buona cuoca – (proverbio occitano).

    Menù Del Territorio

    Insalata di zucchine trombetta scottate e uova di gallina poché, crema di parmigiano reggiano e animelle croccanti
    Tajarin classico piemontese con ragù espresso di salsiccia di Bra
    Agnolotti quadrati con formaggio nostrale di montagna ed erbe spontanee: ortica, crescione, boraggine e verbena
    Lingua di vitella, polvere di pepe di Szechuan, gelatine di birra e puré di patate affumicate – in accompagnamento offriamo un calice di Duchesse de Bourgogne
    Semifreddo al torrone con ganache al gianduja e “shot” ghiacciato di pastis e menta

    Menù completo € 55 – 3 portate € 45 – solo a pranzo 2 portate: antipasto e primo a scelta € 25

    Il menù di Juri

    Il meglio delle valli occitane: terra di patate, tumin dal mel, spuma di aioli, spinaci di montagna e lavanda
    Risotto carnaroli mantecato alla carota, ragù di creste di gallo e grué di cacao
    Agnello sambucano alle ortiche, puré di ramassin del saluzzese e melanzana fondente
    Morbido di mirtilli, crema di ricotta di capra “Lo Puy” e gelato al genepy

    Menù completo € 60 – con abbinamento di vini a calice per portata € 85

    Gli esclusivi: i piatti speciali

    Crudo di pesce e crostacei secondo mercato
    € S.Q.
    Battuta di fassona al coltello al naturale con aioli e condimento albese
    € 16
    Linguine con pomodoro datterino e colatura di alici di Cetara
    € 20
    Linguine al pesto di Zena con patate e zucchine
    € 16
    Tagliata di Madama Piemonteisa con patate novelle alla salvia e bagnet rosso
    € 8 (per 100 g)
    Filetto di fassona con verdure di stagione – Selezione carni Martini di Boves
    € 34
    Pescato di lenza intero cotto secondo desiderio
    € 10 (per 100 g)

    Il menù alla carta

    Antipasti

    Aguglie alla griglia, pappa al pomodoro, stracciatella e olio al basilico
    € 18
    Giardiniera con quaglia arrosto, sentore di olive taggiasche
    € 18
    I “sapori delle mie nonne”: terrina di fegatini di pollo e salame cotto, “smicia” di mirtilli all’Archibus e rapa bianca di Caprauna
    € 18
    La gallina bianca di Saluzzo – Piatto del Buon Ricordo, salsa tonnata, chicchi d’uva e cialda ai pop corn
    € 22

    Primi piatti

    Crusetin di segale al burro d’alpeggio con salvia selvatica e toma del bot stagionata
    € 16
    Agnolotti quadrati con nostrale di montagna, erbe spontanee: ortica, crescione, borragine, verbena
    € 16
    Tajarin classico piemontese con ragù espresso di salsiccia di Bra
    € 16
    Risotto al nero di seppia e blu della Bisalta
    € 18

    Il pesce e la carne

    Trancio di pescato del giorno “tataki”, infuso di camomilla, indivia belga, violetta e fiori provenzali
    € 28
    Lombo di coniglio a bassa temperatura, coulis di peperoni rossi, insalata di fagioli del babi e guanciale
    € 20
    Lingua di vitella, polvere di pepe di Szechuan, gelatine di birra e puré di patate affumicate; offerto un calice di Duchesse de Bourgogne in accompagnamento
    € 22
    Pane e frattaglie, una per settimana, diverse tipologie di frattaglie abbinate a diverse consistenze di pani
    € 20

    Le delizie

    Morbido ai mirtilli, crema di ricotta di capra “Lo Puy” e gelato al genepy
    € 12
    Sandwich di nocciola, pesche nettarine, salvia all’ananas e sorbetto al lampone
    € 12
    Pane e anguria: pain d’épices caramellato al moscato, anguria alla griglia e sedano alla vaniglia
    € 12
    Omogeneizzato di mela verde, scaglie di cioccolato Criollo Domori e gelato al Plasmon
    € 12
    Semifreddo al torrone, ganache al gianduja e “shot” ghiacciato di pastis e menta
    € 12
    Selezione di gelati e sorbetti
    € 10
    Selezione di formaggi
    € S.Q.

    I fornitori

    Carne e frattaglie: Martini di Boves (CN)
    Farine: Molino Squillario, Località Madonna dell’Olmo (CN)
    Olio extravergine: frantoio Laffusa, Firmo (CS)
    Pesci: Pescheria Costa Azzurra, (CN); Tumbiolo Fish, Mazzara del Vallo (TP)
    Riso: Azienda Agricola Motta, Borgo San Slao (PV)
    Fiori ed erbe spontanee: prati e boschi delle vallate cuneesi
    Caffè: Excelsior in cialde, miscela dei migliori caffè Arabica, Busca (CN)

    Carta dei vini [16/20] (dettaglio)
    Tra le bollicine più rappresentative segnaliamo: Brut Rosé Visages de Canaille Cascina Baricchi; Alto Adige Brut Talento Arunda; Brut Lugana Ca’ Maiol Az. Agr. Provenza. Tra i vini bianchi: Colli Tortonesi Costa del Vento Az. Agr. Massa; Viassö Vino da tavola Colli di Luni Azienda agricola Prima Terra di Walter De Battè; Bianco Romangia Igt Tenute Dettori. Tra i vini rossi: Barbera d’Alba Costa Bruna Poderi Colla; Castagnole Monferrato Ruché Laccento Montalbera; Barolo L’Andre Sivlio Grasso. Tra i vini da dessert: Vendemmia Tardiva Surì Bertolotto Traversa; Riesling Auslese Robert Weil. Curiosità: la bottiglia meno cara è Gavi di Gavi Montessora Giustiniana da 37,5 cl (€ 12), quella più costosa è Sauterne Premier Cru Supérieur Château D’Yquem 1966 (€ 500).

    Abbinamento Vini
    Optiamo, come di consueto, per il servizio al calice.

    Pane [+++++]

    Tipologie di pane: pagnotte di pane bianco con lievito madre; pagnotte di pane agli otto cereali con lievito madre; focaccia classica all’olio extravergine di oliva; grissini stirati a mano e cotti in forno a legna dalla panetteria Basso di Cuneo.

    Ci confrontiamo con lo chef sul percorso e iniziamo

    Stefania supervisiona…

    Piattooo!

    Gallina bianca di Saluzzo, salsa tonnata, chicchi d’uva e cialda ai pop-corn [16/20]

    A darci il benvenuto è un prodotto tipico del territorio, la buonissima gallina di Saluzzo, presidiata da Slow Food e nota anche come gallina di Cavour, per la predilezione che il protopresidente del consiglio italiano aveva per questa carne, tenera e delicata. La troviamo accompagnata da una saporita salsa tonnata e dall’uva, la cui moderata acidità è quanto basta per equilibrare il gusto in bocca.

    Timorasso Derthona Sterpi 2007 – Vigneti Massa

    Walter Massa è il personaggio di riferimento per tutta l’area dei colli tortonesi nell’alessandrino. È stato lui a riscoprire e valorizzare una ventina di anni fa il vitigno simbolo di questa zona: il timorasso, una delle cenerentole più celebri dei nostri vitigni autoctoni. Il Derthona Sterpi è proprio un esempio di quest’uva in purezza. È un vino dalla personalità coinvolgente, fresco ma possente, sapido e profondo. Il meglio lo dà probabilmente insieme al mix delle valli Occitane, ovvero con il tumin e la lavanda.

    Il meglio delle valli Occitane: terra di patate, tumin dal Mel, spuma di aioli, spinaci di montagna ed essenza di lavanda [16/20]

    È la riproposizione di un tradizionale piatto povero occitano: il body, tuma e aioli, ovvero patate lesse, formaggio e salsa agliata. Tutto ingredienti poveri, così come gli spinaci e la lavanda, per un connubio suggestivo, che profuma di fascino antico. Se la volontà di Juri era quella di comunicarci i sapori di una volta, allora l’obiettivo è stato centrato in pieno.

    La ricetta

    Ingredienti:

    610 g di patate lesse
    20 g di cacao in polvere
    10 g di olio extra vergine di oliva
    20 g di maizena
    10 foglie di spinaci di montagna
    10 g di burro d’alpeggio
    1 toumin dal Mel
    100 g di maionese
    1 spicchio di aglio fresco senza il germe
    1 dl di vino bianco
    Essenza e fiori freschi di lavanda

    Procedimento

    Amalgamare le patate con il cacao, l’olio extra vergine di oliva e la maizena. Disporre il composto in una placca e far seccare in forno a 80° C per 5 ore. Frullarla poi fino a ottenere una polvere. Lessare le foglie di spinaci per due minuti e raffreddarle. Saltarle poi in padella con il burro d’alpeggio. Tagliare a cubi di 3 cm per lato il toumin dal Mel e disporlo su un piatto coperto ermeticamente dalla pellicola e metterlo in forno a vapore a 60° C fino a che sarà morbido, mantenendo però la forma. A parte pestare l’aglio in un mortaio e amalgamarvi la maionese e il vino bianco. Mettere la salsa in un sifone e caricare con due bombolette. Condire con un cucchiaio di brodo vegetale e sale la polvere di patate che raggrumandosi prenderà una consistenza granulosa. Disporre la terra di patate sparsa nel piatto, adagiarvi sopra i cubi di toumin dal Mel fondente, gli spinaci di montagna e con il sifone formare dei piccoli spumini di aioli. Completare il piatto con dei fiori di lavanda freschi, una spruzzata di olio essenziale di lavanda e del crescione.

    Pecorino colline pescaresi Aries – Ciavolich

    Un altro grande vino poco conosciuto e assolutamente da provare. Questo pecorino affinato in legno è contraddistinto da una carica aromatica travolgente, che spazia dal floreale alla frutta tropicale, fino ad arrivare a note mielose e nocciolate, che ben si confanno al bisalta. Nel caso ve lo steste chiedendo, Ciavolich non è ovviamente un cognome di origine abruzzese, bensì è dovuto a una famiglia di mercanti bulgari che si insediò nella zona nel XVI secolo e da cui discendeva Francesco, fondatore della cantina nel 1853.

    Risotto al nero e bisalta blu [16/20]

    Un risotto molto gustoso, che unisce al nero si seppia, preparato con cipolla e noce moscata, il bisalta, un formaggio erborinato tipico delle valli cuneesi, prodotto dal caseificio Valle Josina. I due gusti si amalgamano in perfetta sintonia, in un confronto tra due sapidità morbide, una marina e una erborinata.

    La ricetta

    Ingredienti per 6 persone:

    400 g riso carnaroli
    100 g burro
    40 g parmigiano
    1/2 cipolla
    80 g nero di seppia
    1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
    Noce moscata
    100 g Bisalta Blu
    3 dl vino bianco
    Sale
    Pepe
    Olio extra vergine di oliva
    2 l di fumetto di pesce

    Procedimento

    Affettare la cipolla e metterla a rosolare a fuoco lento in un tegame. Aggiungere il vino bianco, alzare la fiamma e poco dopo il nero di seppia e il concentrato di pomodoro. Continuare la cottura per alcuni minuti, poi grattare un po’ di noce moscata e passare il nero al colino e raffreddare. Sciogliere una noce di burro in un pentolino, aggiungere il riso, salare, tostarlo, bagnarlo con il vino bianco e in seguito cominciare la cottura con il fumetto di pesce. A cottura quasi ultimata aggiungere il nero di seppia e poi mantecare con olio extra vergine, burro e poco parmigiano. Lasciar riposare 2 minuti il risotto e nel frattempo tagliare a riccioli il formaggio Bisalta Blu precedentemente posto in congelatore. Disporre il riso in una fondina, adagiarvi dei riccioli di formaggio e decorare con fiori di borraggine. Servire subito.

    Agnolotti quadrati con nostrale di montagna ed erbe spontanee [16/20]

    Agnolotti squisiti, farciti con il nostrale, un formaggio vaccino del territorio, e ortiche, fatte prima saltare nel burro di capra. Non da sottovalutare è il verde tappeto su cui sono adagiati, fatto di borragine, verbena e crescione, tutti provenienti dai campi del comune di Rossana, in provincia di Cuneo. Anche in questo piatto c’è l’aromatico zampino dell’influenza occitana.

    Castagnole Monferrato ruché Laccento – Montalbera

    Il ruché è un vitigno caratteristico del Monferrato, tutelato dal 2010 anche dalla Docg. Montalbera è forse l’azienda che ha creduto di più in questa uva e lo si può intuire dalla grandezza del vino che abbiamo nel bicchiere. Solo acciaio per l’affinamento, che consente al frutto di esprimersi con tutta la sua schiettezza. Notevole anche la struttura e molto elegante la chiusura speziata.

    Lingua di vitello, polvere di Szechuan, puré di patate affumicato e gelatina di birra Duchesse de Bourgogne [16/20]

    L’affumicatura delle patate e il profumo orientaleggiante del pepe di Szechuan trasportano la lingua su un piano percettivo superiore, che coinvolge tutto il naso e la bocca. La riduzione acida e dolciastra di Duchesse de Bourgogne aggiunge due dimensioni di sapori mancanti, che vanno a completare una panoramica gustativa a 360°.

    Duchesse de Bourgogne – Brouwerij Verhaeghe

    È una birra fiamminga celeberrima e forse la più riconoscibile in assoluto nel panorama birraio internazionale anche senza essere degli esperti, per il suo inconfondibile gusto agrodolce e acetico. Difficile inquadrarla in una tipologia e anche la sua produzione è peculiare, essendo realizzata con una miscela di birre di diverso invecchiamento affinate in botti di rovere. Non certo una birra facile da apprezzare, certamente insieme alla lingua ha un ottimo riscontro.

    Simpatica e solare Roberta Pappadopolo

    Pane e frattaglie, una per settimana: diverse tipologie di frattaglie abbinate a diverse consistenze di pane [16/20]

    Come si evince dal nome, è un piatto camaleontico, che muta non solo la sua forma, ma anche la sua sostanza ogni settimana. Oggi c’è il rognone, insieme a veli di pane casereccio, pesche di Saturnia, porcini e salsa di nocciole. Buonissimo! Se potessimo venire qui per sette giorni di fila lo faremmo per il piacere di provare le altre variazioni. Per ora confidiamo che siano tutte straordinariamente riuscite come questa, strutturata in ogni sua sfaccettatura.

    Carrello dei formaggi

    Selezione di formaggi [+++++]

    Vino dolce dell Casa picolit 2006Jermann

    Il grande Silvio Jermann, guru del vino friulano, dopo averlo usato in diversi dei suoi uvaggi, decide di produrre per la prima volta nel 2006 il picolit in purezza. Bevendolo e sentendone la bontà viene da chiedersi se non poteva pensarci prima, ma nel vino più che in ogni altra cosa la pazienza è fondamentale e se abbiamo aspettato tanto per provare questo gioiellino è solo perché non era ancora stato ritenuto pronto.

    Omogeneizzato di mela verde, gelato al biscotto Plasmon e scaglie di cioccolato [+++++]

    Un dessert molto giocoso e fanciullesco, che riesce a mischiare la sfera gastronomica con quella ludica, ricordandoci che in fondo anche questo è un lasco di sapori e accostamenti.

    Pane e anguria: pain d’épices caramellato al moscato con anguria alla griglia e sedano marinato alla vaniglia [16/20]

    Epilogo complesso e sorprendente da parte di Juri, anche solo per il pan brioche che dopo una leggera speziatura è stato bagnato nella panna e nel moscato, quindi impanato nello zucchero e poi caramellato. A questo c’è da aggiungere l’anguria appena scottata alla griglia e il sedano vaniglioso, che con essa inscena, per il meglio del pane, una combinazione di sapori dolci e vegetali che danno al piatto un’eleganza da fuoriclasse.

    Caffè e coccole finali [+++++]

    Tipologie della piccola pasticceria: brut e bun; madeleine; baci di dama; barchette di frolla con crema al limone e frutti di bosco; brownies.

    Caffè Excelsior in cialde, miscela dei migliori caffè arabica.

    Il nostro conto

    Menu degustazione da 75€ a cui bisogna aggiungere 33€ di abbinamento al calice.

    Cucina

    Ottima mano nulla da dire. Stella ampiamente rinnovata e meritata.  Davvero bravi i patron Stefania e Giorgio che riescono a proporre e “stellare” subito ogni nuovo chef che entra a far parte della loro ottima scuderia.

    Servizio

    Svolto in modo esemplare con cortesia, raffinatezza; nei modi e nei canoni della calda accoglienza di casa.

    Conclusioni

    Il nostro indirizzo certificato, convenzionato e consigliato per la Città di Cuneo.

    Valutazioni: [* * * * *]

    Cucina – Servizio – Location – Cantina – Coccole

    Viaggiatore Gourmet

    Ristorante Delle Antiche Contrade
    12100 Cuneo
    Via Savigliano, 11
    Tel. 0171480488
    Chiuso domenica sera e lunedì
    E-mail: info@anitchecontrade.it
    Sito internet:
    www.antichecontrade.it

    NB Il locale ha cambiato gestione, pertanto questo reportage ha la semplice valenza di memoria storica

    Topics: Backstage Eventi Enogastronomici, Convenzionato Viaggiatore Gourmet, Cuneo e provincia, Recensioni Piemonte, Reportage Ristoranti | 6 Comments »

    6 Responses to “Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo – Patron Stefania e Giorgio Chiesa – Chef Juri Chiotti”

    1. Ristorante Delle antiche contrade – Cuneo (CN) – Chef Luigi Taglienti | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      novembre 28th, 2011 at 11:05

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo – Patron Stefania e Giorgio Chiesa – Che… [...]

    2. Cartoline dal 39mo Pranzo Amici Gourmet al Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo – Chef Luigi Taglienti | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      dicembre 5th, 2011 at 22:49

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo – Patron Stefania e Giorgio Chiesa – Che… [...]

    3. Protagonisti @ Longino & Cardenal Lounge – VG Media Partner – Identità Golose 2012 – Milano | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      aprile 27th, 2012 at 19:54

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo (CN) – Chef Juri Chiotti Provincia di Cuneo [...]

    4. Cartoline dalla 3ª Edizione di “Le Stelle si incontrano a Barolo” VG @ Terre da Vino – Barolo | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      giugno 7th, 2012 at 16:21

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo (CN) – Chef Juri Chiotti Provincia di Cuneo [...]

    5. Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo (CN) – Chef Marc Lanteri | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      luglio 14th, 2012 at 21:43

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo (CN) – Chef Juri Chiotti Provincia di Cuneo [...]

    6. Cartoline dall’Assemblea annuale dell’Associazione Le Soste presso l’Az. Agr. Martinenga delle Tenute Cisa Asinari dei Marchese di Grésy – Barbaresco (CN) | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      agosto 1st, 2013 at 16:50

      [...] Ristorante Delle Antiche Contrade – Cuneo (CN) – Chef Juri Chiotti Provincia di Cuneo [...]

    Comments

    You must be logged in to post a comment.