Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner












  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    gennaio: 2009
    L M M G V S D
    « dic   feb »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « Castelvecchio | Home | Pojer & Sandri »

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Cascina Falletto

    By EnoCentrico | gennaio 1, 2009

    (SPAZIO PER VALUTAZIONE AZIENDALE)

    Anno di Fondazione: 1900
    Proprietà: Bruno Giacosa
    Enologo: Giorgio Lavagna
    Agronomo: Giuseppe Cavallo
    Addetto al ricevimento: Beatrice Bongiovanni e Bruna Giacosa
    Ettari di proprietà e/o affitto: 20 ha di proprietà, nessuno in affitto
    Produzione annuale in bottiglie: 500.000 bottiglie
    Vendita diretta in Cantina: NO
    Vendita dei vini On-line: NO
    Visite in cantina: NO

    Caratteristiche principali di gestione nel vigneto: potatura gujot modificata ad archetto – vendemmia manuale

    Utilizzo di lieviti selezionati: Vengono sempre utilizzati per la vinificazione del Roero Arneis e per i vini base spumante. Mentre per i rossi solo in annate non particolarmente favorevoli.

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2011/2012:

    95/100 – Barbaresco Asili di Barbaresco 2008 (Cat. G)

    Altissimo Ceto

    Un vino che riesce a bissare l’ottima prova dell’annata precedente. Un’annata che sulle prime si era rivelata un po’ sottotono se paragonate alle precedenti, ma che alla lunga (per quel poco che si può dire visto che stiamo parlando di vini che hanno alle spalle un limitato soggiorno in bottiglia) sta mettendo in campo un valore di assoluto rilievo. Merito anche di produttori come il buon Bruno Giacosa, capace di proporre nella 2008 un Asili chiaro, netto, preciso e riconoscibilissimo in quelle che sono le sue peculiarità. Soprattutto nel frutto, possedendo quel calore e quel fascino che gli si addice. Al palato dobbiamo fare i conti subito con un tannino che appare vivace e un po’ raggrinzito. Solo questione di tempo, giusto quello che serve per abituarsi a questo cambio di marcia e lasciarsi trasportare dall’avvolgenza e dalla spinta caratteriale che sfoderano articolazione e profondità. E quel fascino irresistibile dell’Asili. Quello di Bruno Giacosa.

    97/100 – Barbaresco Ris. Asili di Barbaresco 2007 (Cat. H)

    Altissimo Ceto

    E’ sempre difficile valutare l’assaggio prematuro di una grande Etichetta Rossa. La reazione risulta essere contratta, tesa e corrucciata, paragonabile a chi è stato buttato giù di sobbalzo dal letto. Il colore vira verso un rubino vivo, ma un po’ opaco nelle sfumature. Avrà modo solo con il tempo di mettersi quel suo bel vestitino a festa, scintillante. Molto centrato sulla croccantezza del frutto, quasi mordente, di sentori che richiamano il ribes e la fragola. Il bagaglio speziato è tutto in divenire. Ciò lo rende in qualche modo incompleto (e ci saremmo meravigliati del contrario), ma appare già dalle prime battute molto più indietro nella forma rispetto ad altri suoi fratelli di sangue di altre annate, degustati nello stesso periodo.
    Il palato è rigido, spigoloso come il suono di una scatola che senti rotolare giù dalle scale e che finisce il suo percorso con un tonfo duro e sordo. Il calore è però ben presente ad alleviarne le asperità del tannino e della sua acidità affilata, che in questo momento ne attenuano i benefici ed i vigori della sua chiusura post gustativa. Tuttavia, la raffinatezza dell’insieme applaude una personalità che arriva dal profondo del terreno e lascia comunque ben presagire per un futuro che lo porterà molto lontano. Almeno per chi avrà la voglia di pazientare.

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2010/2011:

    I metodo classico

    87/100 – Spumante Extra-Brut Rosé 2008 (Cat. E)

    Un po’ più snello e lineare della versione precedente, ma anche con una definizione aromatica più precisa e composta. Naso originale ed interessante per le sue sfumature intriganti di erbe aromatiche e balsamiche. Ha bisogno di aria e avrà bisogno di bottiglia, in quanto il palato non appare nella medesima forma e con la stessa coerenza di quanto avuto in fase olfattiva, mostrandosi un po’ contratto. Leggera chiusura amarognola ma non scomodante.

    I Vini Rossi

    95/100 – Barbaresco Asili di Barbaresco 2007 (Cat. G)

    Altissimo Ceto

    In seguito alla decisione (sofferta) di Bruno Giacosa di non uscire sul mercato con i Barolo e Barbaresco 2006, si è arrivati alla scelta aziendale di andare allora in commercio con i Barbaresco 2007, ridimensionando quella che era fino ad oggi la politica di uscire con questi vini a pari annata con i Barolo. Nutriamo sempre pieno rispetto in tutte quelle che sono le disposizioni aziendali dei Giacosa e siamo, ad ogni modo, rallegrati di trovare saldamente in testa in queste sessioni, i due cru di Bruno. L’Asili, da sempre il suo preferito, prende fortemente la testa del gruppo con una prova da manuale. Proposto in questa annata, vestito dall’etichetta bianca, troviamo in prima linea una fragranza ed una integrità del frutto che non ci saremmo magari mai aspettati da una 2007 (forse non da Giacosa in quanto ci ha spesso abituati a queste prove), anche se siamo perfettamente consapevoli, che è inoltre una delle caratteristiche che hanno sempre reso unico questo vigneto, nel panorama Barbareschiano, di tenere grinta, carattere e completezza, anche in annate calde e non adagiarsi su facili rotondità e dolcezze. Con l’ossigenazione vengono sprigionate delle sfumature speziate e floreali che impreziosiscono il bouquet, in una perfetta sequenza orchestrale, di grande eleganza e dal notevole potenziale in futuro. Al palato sfodera tutta la sua classe e finezza, creando in questo contesto, il gap con il Santo Stefano. L’uscita e la profondità sono perfettamente al top con il resto delle qualità mostrate. Da applausi.

    91/100 – Barbaresco Santo Stefano Albesani di Neive 2007 (Cat. G)

    La maturità e le tonalità del frutto dell’Albesani-Santo Stefano 2007 sono più in linea con quelle che sono le caratteristiche del millesimo. Un frutto più polposo, più avvolgente ed immediato, con quel carattere speziato, per certi versipiù evoluto dell’Asili e più spostato sulle note dolci delle spezie, a discapito di quelle più piccanti e balsamiche del campione raccontato sopra. Comunque pur sempre una prova d’autore, degna del Maestro, che ritrova linearità e coerenza anche al palato, con una trama tannica più “dura” ed una chiusura leggermente più asciutta, che non influiscono tanto sulla bontà qualitativa del prodotto, ma bensì sul ridimensionamento del punteggio rispetto sempre all’Asili.

    101/100 – Barolo Riserva Le Rocche del Falletto di Serralunga d’Alba 2004 (Cat. H)

    Altissimo Ceto

    Inchiniamoci di fronte all’ennesimo capolavoro del Maestro. Non solo perché insignito della prestigiosa etichetta rossa, ma perché rappresenta, di fatto, uno dei più grandi vini che siano mai stati prodotti all’interno dei nostri confini. Meritevole di un fondo scala ( e oltre…) e della menzione speciale, arrivato dopo una non facile decisione univoca del panel. Più volte è stato scritto e poi cancellato il giudizio finale. Difficile dargli un giudizio, difficile scrivere sul foglio, un numerino che possa racchiudere quello che si è provato in quel momento. Numeri freddi. Cifre illogiche e, a tratti, pure paradossali. Tutte votazioni che comunque non rendevano merito alla maestosità del vino. E sapete perché? Perché non eravamo noi a giudicare il vino, ma il vino a giudicare noi. Ci guardava dall’alto in basso. Lui. Con quello sguardo intenso, profondo e con un pizzico di arroganza, ma giustamente orgoglioso. Orgoglioso, perché a generarlo è stato lui, il Maestro. Il quale lo ha creato a sua immagine e somiglianza. Accigliato e un po’ scorbutico sulle prime, dovrete scendere quasi a compromessi se vorrete trarre il massimo vantaggio in termini emotivi da questo vino. Proprio come il feeling da adottare con Bruno, persona. Girategli intorno cautamente, siate di poche parole e più di facili orecchie. Tese all’ascolto. Ascolto di quelle poche parole che usciranno dalla sua bocca in un primo momento. Non aspettatevi grandi orazioni. Ci vuole tempo. Ci vuole pazienza. Se gli risulterete simpatico, allora sarà lui ad aprirvi il cuore ed accogliervi con la passione ed un pizzico di commozione. Questo vino e Giacosa, sono fatti uno per l’altro. Ma presto si sono dovuti separare, perché queste bottiglie dovevano essere lasciati libere per il mondo per fare felici centinaia di persone. E portare con se un pizzico di Langa e tante e tantissime emozioni. Poco più di diecimila esemplari prodotti, ma non per tutti. Bisogna meritarselo. Magari essere propensi anche alla lacrimuccia e ringraziare per l’ennesima volta il Maestro di tutti noi. Non sappiamo (e non ci interessa) sapere se questa è la migliore etichetta rossa di sempre. La perfezione è stata comunque capace di esprimersi ad alti livelli e ad andare pure oltre.
    Si dice in giro che il “primo Giacosa” non si scorda mai. Già. Ma in questo caso, a dire il vero, neanche l’ultimo….

    86/100 – Nebbiolo d’Alba Valmaggiore di Vezza d’Alba 2008 (Cat. B)

    Un vino che se paragonato alla versione precedente, si mostra più dettagliato e dinamico, anche se non dotato di particolari ricchezze aromatiche. Più saldo al palato con una buona profondità a chiudere. Quadro complessivo di grande godibilità in questo momento.

    GUIDA DELLE ECCELLENZE ENOLOGICHE

    EDIZIONE 2009/2010:

    85/100 - Nebbiolo d’Alba Valmaggiore 2007  (Cat. B)

    Fa’ un po’ impressione trovare il Valmaggiore di Giacosa in questa posizione. Il vino è nei canoni abituali, non particolarmente dotato di grande spessore ma comunque intrigante. E quindi? La caratteristica che lo ha fatto ”ridimensionare” è il naso che sfodera in quest’annata. Elegante ma alquanto atipico ed “esotico”.

    92/100 – Barbaresco Santo Stefano 2005 (Cat. G)

    Altissimo Ceto

    Siamo pronti a scommettere che quella targata 2005 sia una delle migliori espressioni di sempre del Santo Stefano di Bruno Giacosa. Tanto da portarlo a vincere la volata al fotofinish sull’eterno rivale di sempre, ovvero quell’Asili, che quest’anno gareggiava sfoggiando però l’inconsueta etichetta bianca. Un Altissimo Ceto pieno, meritato, che rende giustizia al valore e al prestigio di questa casa.

    90/100 – Barbaresco Asili 2005 (Cat. G)

    Fino all’ultimo, i Giacosa,  sono stati indecisi se continuare nella consueta fase di affinamento per portarlo a vestire la famosa etichetta rossa. Invece si è optato per una scelta più radicale che alla fine è stata quella di imbottigliarlo e metterlo poi in commercio con l’etichetta bianca. Probabilmente questa scelta ha frenato le potenzialità di questo vino, ma capiamo la scelta dell’azienda che saggiamente ha preferito rispettare i consumatori abituati alla Riserva solo nelle grandi annate. Forse è stata anche questa caratteristica che ha portato a perdere la volata con il Santo Stefano. Pur riconoscendogli, tutto sommato, un valore ancora tutto da esprimere nel tempo.

    88/100 (?) – Barbaresco Rabajà 2005 (Cat. G)

    Il Rabajà di Bruno Giacosa è da sempre il più lento a concedersi. Sfodera il consueto carattere ruvido e un po’ asciutto, che lo ha sempre contraddistinto e che lo fa soffrire nelle volate con l’Asili e il Santo Stefano. Per il momento salviamo con nome, riavviamo il sistema e lo terremo d’occhio in futuro in un’ipotetica corsa a tappe.

    92/100 – Barolo Le Rocche del Falletto 2005 (Cat. H)

    Visto che il prossimo anno saremo orfani dei Barolo e Barbaresco di Bruno Giacosa, in quanto non verranno commercializzati i 2006 per non essere stati ritenuti all’altezza del loro nome, allora ci dobbiamo consolare con l’ennesimo grande ed immenso Barolo della storica Casa di Neive. Se non fosse stato per la serietà e la rigidità del tannino che appartiene a questo vino e che si pronuncia andando al di là di quelle che sono le normali predisposizioni del cru o del paese di origine (Serralunga…), lo avremmo trovato in posizioni più alte. A nostro modo di vedere, difficilmente, potrà subire delle variazioni nel tempo, donando magari delle sensazioni più docili in futuro.Variazioni che andranno decisamente ad incidere a livello aromatico, donando (tra qualche decennio…) un quadro olfattivo più suadente e con una versatilità che non vi faranno mai staccare il naso dal bicchiere. Da dimenticare in cantina…

    *88/100 – Extra Brut Rosé 2007 (Cat. n.c.)

    Altissimo Ceto

    (* Recensito quì)

    Fiato alle trombe per un esordio in grande stile Giacosa, per l’Extra Brut Rosè targato 2007. Se non si conoscesse la profonda serietà che contraddistingue, da sempre, le scelte della storica maison de negoce di Neive, continuamente caratterizzate da grande ponderatezza, analisi e valutazioni qualitative, si potrebbe pensare ad un voler seguire le mode, salutando quella che rappresenta la prima versione di questa bollicina rosata. Ma l’assaggio fugherà qualsiasi dubbio, già nel vederlo scendere nel bicchiere con quel suo colore rosato tenue scintillante, carico di energia. L’impatto olfattivo è di grande vinosità che lascia spazio ad una complessità ricca e soffusa. Da ricercare. E’ di seguito con l’assaggio, che ritorna a dare sfogo nuovamente alla sua vitalità, vista la scelta (coerente con la linea già adottata dal fratello maggiore) di “impostarlo”, tipologicamente parlando,  come Extra-Brut. Una spina dorsale fatta dall’acidità, netta e decisa, che congeda il palato, con grande morbidezza ed eleganza. Da berne a fiumi…

    88/100 – Barbera d’Alba Falletto di Serralunga d’Alba 2007 (Cat. D)

    Nel piacevole gioco dei paragoni presente-passato, possiamo considerare la Falletto 2007, una Barbera possente e muscolosa, con dei tratti più calorosi (ed inaspettati) del previsto, un’evoluzione più speziata ed un frutto più polposo rispetto a quella precedente. Ma della 2006 non conserva i tratti stilistici cesellati ed affascinanti. Questa prefazione serve per “giustificare” cosa è mancato nel passo (e che sarebbe stato fondamentale), per issarla alla soglia dei 90 punti. Sono solo dei piccoli dettagli, ma fondamentali per un vino di questa caratura e di questo prestigio. Dal canto suo possiamo apprezzarne la vitale godibilità di un vino che già da oggi si esprime al pieno delle sue potenzialità e che ci porta in piena sintonia con l’apprezzamento del bicchiere che vede presto la fine.

    84/100 – Barbera d’Alba 2007 (Cat. B)

    La Barbera d’Alba del Négoce, nell’annata 2007, si offre con un passaggio interlocutorio. Meno vitale ed energica della versione precedente, l’impatto olfattivo è molto chiuso, appena versata nel bicchiere e con dei disturbi di definizione aromatica, bisognosi di tempo prima di riuscire a mettersi “a fuoco”. Al palato si predispone su di un piano sottile, teso e con una freschezza messa in evidenza, equilibrata da un buon spessore ed una discreta morbidezza.

    I prezzi sono indicati per categorie in funzione della variabilità che potete trovare da enoteca ad enoteca:

    Categoria A Fino a 14,00
    Categoria B Tra Euro 12,00 e 17,00
    Categoria C Tra Euro 15,00 e 20,00
    Categoria D Tra Euro 18,00 e 25,00
    Categoria E Tra Euro 23,00 e 30,00
    Categoria F Tra Euro 28,00 e 50,00
    Categoria G Tra Euro 45,00 e 70,00
    Categoria H Oltre i Euro 70,00

    Recapiti:
    GIACOSA BRUNO & C. SNC
    Via XX Settembre 52
    12052 Neive (CN)

    Tel: 0173/67027
    Fax: 0173/677477
    Skype: -
    Sito Web: www.brunogiacosa.it
    Indirizzo posta elettronica: brunogiacosa@brunogiacosa.it

    Visualizzazione Google Map:
    Visualizzazione ingrandita della mappa

    Topics: Guida dei Vini, Piemonte | No Comments »

    Comments

    You must be logged in to post a comment.