Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)
Diario di esperienze e momenti enogastronomici
per appassionati viaggiatori esigenti e golosi
Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-)

  • Twitter Ufficiale!



  • Diventa anche tu un Viaggiatore Gourmet! ; Accoglienza speciale, coccole, privilegi, inviti ad eventi esclusivi…

    VG Card - Tipologie e Quote Annuali / Rinnovi
  • Premium Partner











  • I RISULTATI degli Altissimo Ceto Awards 2011 ! Clicca Sotto


  • Calendario

    agosto: 2006
    L M M G V S D
    « lug   set »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Partner Editore

  • Partner Education


  • VG Sponsored By








  • Sottottoscrivi il FEED per essere aggiornato ad ogni modifica.


  • Selected Web Link:


  • LETTURE CONSIGLIATE


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 8879288598
    Titolo: Il perfezionista. Vita e morte di un grande chef
    Autore: Chelminski Rudolph


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: La mia cucina pop. L'arte di caramellare i sogni.
    Autore: Oldani Davide


    Book

    Ordina da IBS Italia

    ISBN: 9788836543274
    Titolo: Cuoco andata e ritorno. Viaggi , sogni , ricette di un uomo che voleva cucinare
    Autore: Oldani Davide


  • La Guida dei Vini on-line di Altissimo Ceto:

  • Indice Geografico delle Cantine aderenti:

    PIEMONTE

    Albino Rocca

    Antica Casa Vinicola Scarpa

    Azelia

    Borgogno

    Braida

    Bricco Giubellini

    Bruna Grimaldi

    Cà di Cairè-Emanuele Rolfo

    Casa Vinicola Bruno Giacosa ed Az. Agr. Falletto

    Cascina Bruciata

    Cascina Ca' Rossa

    Cascina Garitina

    Cascina I Carpini

    Cascina La Ghersa

    Cascina Nuova-Elio Altare

    Cascina Val del Prete

    Castello di Neive

    Cogno

    Comm. G.B. Burlotto

    Conterno-Fantino

    Conterno Giacomo

    Coppo

    Corino

    Damilano

    Deltetto

    Domenico Clerico

    Deltetto

    Edoardo Sobrino

    Elio Perrone

    Enzo Boglietti

    E. Pira & Figli - Chiara Boschis

    Eraldo Viberti

    Ettore Germano

    Flavio Roddolo

    F.lli Cigliuti

    Fontanafredda

    Forti del Vento

    Gagliasso

    Gaja

    G.D. Vajra

    Giacomo Grimaldi

    Giacomo Vico

    Gianni Gagliardo

    Icardi

    Iuli

    Josetta Saffirio

    La Spinetta

    Luciano Sandrone

    Luigi Baudana

    Malabaila

    Malvirà

    Manzone

    Marchesi Alfieri

    Mascarello Giuseppe e figlio

    Massolino

    Matteo Correggia

    Mauro Molino

    Mauro Veglio

    Merenda con corvi

    Michele Taliano

    Moccagatta

    Montaribaldi

    Monti

    Nada Fiorenzo

    Negro Angelo

    Oddero

    Parusso

    Pelissero

    Pescaja

    Piero Busso

    Pio Cesare

    Podere Rocche dei Manzoni

    Poderi A. Bertelli

    Poderi Aldo Conterno

    Poderi Luigi Einaudi

    Principiano Ferdinando

    Produttori del Barbaresco

    Prunotto

    Raineri Gianmatteo

    Roberto Voerzio

    Rinaldi

    Rivetto

    Rizzi

    Schiavenza

    Sottimano

    Tenuta Rocca

    Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

    Ugo Lequio

    Vietti

    Villa Giada

    LOMBARDIA

    Barone Pizzini

    Bellavista

    Berlucchi

    Ca' del Bosco

    Camossi

    Cascina San Pietro

    Cavalleri

    Colline della Stella

    Contadi Castaldi

    Ferghettina

    Gatti Enrico

    La Montina

    Le Marchesine

    Majolini

    Mirabella

    Il Mosnel

    Montedelma

    Montenisa

    Monte Rossa

    Quadra

    Ricci Curbastro

    Ronco Calino

    Togni-Rebaioli (Enrico Togni)

    Uberti

    Villa

    VENETO

    Accordini Stefano

    Aldegheri

    Allegrini

    Anselmi

    Bertani

    Brigaldara

    Ca' Rugate

    Castellani Michele & Figli

    Coffele

    Dal Forno Romano

    David Sterza

    Fabiano

    Fasoli Gino

    Filippi

    F.lli Tedeschi

    Gini

    Inama

    I Stefanini

    Le Battistelle

    Le Ragose

    Maculan

    Masari

    Montecariano

    Monte dall'Ora

    Nardello

    Novaia

    Pieropan

    Portinari

    Prà

    Roccolo Grassi

    Sandro de Bruno

    Serafini & Vidotto

    Speri Viticoltori

    Tamellini

    Tenuta Bastia

    Tenuta L'Armonia

    Tenuta Sant'Antonio

    T.E.S.S.A.R.I.

    Tommaso Bussola

    Trabucchi d'Illasi

    Vigneto Due Santi

    Zenato

    Zymé

    TRENTINO-ALTO ADIGE

    Abbazia di Novacella

    Alois Lageder

    Arunda

    Balter

    Baron di Pauli

    Cantina di San Michele Appiano

    Cantina di Terlano

    Cantina Produttori di Bolzano

    Castelfeder

    Cesconi

    Dorigati

    Elena Walch

    Endrizzi

    Ferrari

    Foradori

    Franz Haas

    Hofstatter

    Letrari

    Lunelli

    Kurtatsch - Cortaccia

    Manincor

    Nals-Margreid

    Peter Dipoli

    Peter Sölva & Söhne

    Pojer & Sandri

    Strasserhof

    Tenuta San Leonardo

    Tiefenbrunner

    Tramin

    Weingut Niklas

    FRIULI VENEZIA-GIULIA

    Borgo del Tiglio

    Borgo San Daniele

    Castello di Spessa

    Colle Duga

    Colmello di Grotta

    Drius

    Ermacora

    Giovanni Dri

    Grillo

    Jermann

    La Viarte

    Le Due Terre

    Le Vigne di Zamo'

    Lis Neris

    Livio Felluga

    Livon

    Marco Felluga

    Picech

    Renato Keber

    Roberto Scubla

    Rocca Bernarda

    Ronchi di Manzano

    Ronco dei Tassi

    Ronco del Gelso

    Russiz Superiore

    Schiopetto

    Toros

    Tenuta di Blasig

    Venica & Venica

    Vie di Romans

    Vigna del Lauro

    Villa Russiz

    Volpe Pasini

    Zuani

    EMILIA-ROMAGNA

    Albinea Canali

    Bartolini

    Ca' di Sopra

    Calonga

    Cà Lunga

    Cantina della Volta

    Casetto dei Mandorli

    Castelluccio

    Cavicchioli

    Ceci

    Cleto Chiarli

    Drei Donà-Tenuta La Palazza

    Fattoria Monticino Rosso

    Fattoria Moretto

    Fattoria Paradiso

    Fattoria Zerbina

    Ferrucci

    Fiorentini

    Fondo San Giuseppe

    Gallegati

    Giovanna Madonia

    La Pandolfa

    La Stoppa

    La Tosa

    Le Barbaterre

    Lini 910

    Lusenti

    Medici Ermete

    Monte delle Vigne

    Paltrinieri

    Poderi Morini

    Rinaldini-Moro

    Rontana

    San Patrignano

    San Valentino

    Stefano Berti

    Tenuta La Viola

    Tenuta Pederzana

    Terre della Pieve

    Torre Fornello

    Tre Monti

    Tre Re'

    Villa Bagnolo

    Villa Papiano

    Villa di Corlo

    TOSCANA

    Agostina Pieri

    Amantis

    Antinori

    Avignonesi

    Baracchi

    Barone Ricasoli

    Bindella

    Biondi-Santi

    Boscarelli

    Brancaia

    Bulichella

    Caiarossa

    Ca' Marcanda

    Canalicchio di Sopra

    Canneto

    Capanna

    Capannelle

    Caparzo

    Capua

    Carlo Gentili

    Casanova di Neri

    Case Basse-Gianfranco Soldera

    Castell'in Villa

    Castello dei Rampolla

    Castello del Terriccio

    Castello di Ama

    Castello di Cacchiano

    Castello di Fonterutoli

    Castello di Gabbiano

    Castello di Querceto

    Castello di Volpaia

    Castello Monsanto

    Castel Pietraio

    Castelvecchio

    Castiglion del Bosco

    Cecchi

    Cinelli Colombini

    Col d'Orcia

    Colle Massari-Grattamacco

    Cupano

    Dei

    Donna Olga

    Duemani

    Enrico Fossi

    Fanti-San Filippo

    Fattoria Ambra

    Fattoria Casa Sola

    Fattoria La Torre

    Fattoria Le Pupille

    Fattoria Lornano

    Fattoria Poggio di Sotto

    Fattoria San Giusto a Rentennano

    Felsina

    Fontodi

    Fuligni

    Giuliano Tiberi

    Godiolo

    Gualdo del Re

    I Balzini

    Icario

    Il Borro

    Il Marroneto

    Il Paradiso di Manfredi

    Isole e Olena

    La Cerbaiola-Giulio Salvioni

    La Gerla

    Lanciola

    La Porta di Vertine

    La Rasina

    Le Macioche

    Le Potazzine-Gorelli

    Le Ragnaie

    Lisini

    Lornano

    Mastrojanni

    Michele Satta

    Monteraponi

    Montevertine

    Moris

    Nittardi

    Ormanni

    Petra

    Petrolo

    Pieve di Santa Restituta

    Podere Brizio-Roberto Bellini

    Podere Casanova

    Podere Il Palazzino

    Podere Sapaio

    Poggio Antico

    Poggio Argentiera

    Poggio Mandorlo

    Poggio Salvi

    Poggio Scalette

    Poliziano

    Prelius-Castelprile

    Querciabella

    Rignana

    Rocca di Montegrossi

    Ruffino

    San Fabiano Calcinaia

    Salustri

    Sanguineto

    Serpaia

    Scopone

    Stella di Campalto

    Tenimenti Angelini

    Tenuta Argentiera

    Tenuta Belguardo

    Tenuta degli Dei

    Tenuta dell'Ornellaia

    Tenuta di Ghizzano

    Tenuta di Trinoro

    Tenuta di Sesta

    Tenuta La Badiola

    Tenuta PoggioVerrano

    Tenuta San Guido

    Tenuta Sette Ponti

    Tenuta Vecchie Terre di Montefili

    Tenuta Villa Rosa

    Tenute Folonari

    Tenute Silvio Nardi

    Tolaini

    Varramista

    Villa I Cipressi

    Villa S. Anna

    UMBRIA

    Adanti

    Antonelli San Marco

    Arnaldo Caprai

    Bocale di Valentini

    Cantina Novelli

    Casale Triocco

    Castello della Sala

    Castello delle Regine

    Castello di Corbara

    Cesarini Sartori

    Colpetrone

    Fattoria Colleallodole

    Goretti

    Lamborghini

    Lungarotti

    Perticaia

    Scacciadiavoli

    Tabarrini

    Terre de la Custodia

    MARCHE

    Allevi Maria Letizia

    Belisario

    Bisci

    Boccadigabbia

    Brunori

    Bucci

    Clara Marcelli

    Colonnara

    Conti di Buscareto

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Coroncino

    Fattoria Dezi

    Fattoria Laila

    Fattoria La Monacesca

    Fattoria Le Terrazze

    Fattoria San Lorenzo

    Fattoria Serra San Martino

    Fazi Battaglia

    Garofoli

    Lanari

    Moncaro

    Monteschiavo

    Moroder

    Oasi degli Angeli

    Santa Barbara

    Sartarelli

    Silvano Strologo

    Tenuta di Tavignano

    Umani Ronchi

    Vallerosa-Bonci

    Valter Mattoni

    Valturio

    Velenosi

    Veneranda Vite

    Vignamato

    ABRUZZO

    Anfra

    Barba

    Buccicatino

    Cataldi Madonna

    Col del Mondo

    Collefrisio

    Fattoria La Valentina

    Emidio Pepe

    Illuminati

    Lepore

    Masciarelli

    Montori

    Nestore Bosco

    Orlandi Contucci Ponno

    Pasetti

    Strappelli

    Torre dei Beati

    Valentini

    Zaccagnini

    BASILICATA

    Eleano

    Terra dei Re

    CAMPANIA

    Benito Ferrara

    Caggiano

    Colle di San Domenico

    Colli di Lapio

    Contrade di Taurasi

    De Conciliis

    Di Meo

    Donna Chiara

    Feudi di San Gregorio

    Fratelli Urciuolo

    Guastaferro

    Marisa Cuomo

    Mastroberardino

    Montevetrano

    Qintodecimo

    Torricino

    Terredora

    Villa Diamante

    Villa Matilde

    Villa Raiano

    Viticoltori del Casavecchia

    CALABRIA

    Cantine Viola

    SICILIA

    Baglio del Cristo di Campobello

    Baglio di Pianetto

    Benanti

    Cottanera

    Donnafugata

    Duca di Salaparuta

    Feudo Maccari

    Feudo Principi di Butera

    Graci

    Gulfi

    Masseria del Feudo

    Miceli

    Morgante

    Occhipinti

    Palari

    Passopisciaro

    Planeta

    Sallier de La Tour

    Tasca d'Almerita

    Tenuta delle Terre Nere

    Vini Biondi

  • « LIVET Restaurant & Bar – Milano (MI) | Home | Ristorante IL VICOLO – Corsico (MI) »

    Ristorante LE CALANDRE – Rubano (PD)

    By ViaggiatoreGourmet | agosto 2, 2006

    Provato a Pranzo Giovedì 27 Luglio 2006

    Archivio storico reportage:

    -> Meeting del 14 settembre 2011
    -> Meeting del 19 settembre 2012

    Su indicazione di colleghi appassionati, con consigli e raccomandazioni precise mi reco in quel di Rubano (5 km dal centro di Padova) nel tempio del gusto dei Fratelli Alajmo Massimiliano (Il più giovane Chef tre stelle michelin della storia) e Raffaele, grande “organizzatore” e “coordinatore”.

    Premetto che avrò un occasione unica.. potendo contare su tutto lo staff a mia completa disposizione , sono infatti da solo in tutta la sala.
    Mi ritroverò al centro di mille coccole e attenzioni costanti, e questo inevitabilmente influenza una valutazione , rispetto ad una cena dove siete con altre 30 persone…
    In particolare Massimiliano mi porterà direttamente ogni piatto e mi illustrerà contenuti e tecniche di preparazione, La bravissima Giulia Sommelier , assisterà le portate con un servizio al bicchiere impeccabile di grandi vini internazionali!
    Raffaele con il Maitre “governeranno” con mestiere ogni dettaglio del servizio per uno staff di sala di complessivamente 6 persone a disposizione…

    Mise en place
    Bicchieri linea Zafferano (Treviso) , posateria Calegaro


    Pane
    Abbiamo da destra una rivisitazione della carta musica secondo Massimiliano,
    quindi leggermente più croccante servita con il sesamo. Pane integrale al profumo di cannella.
    Pane bianco fatto con del lievito madre. Cornetti al parmigiano. Pasta filo leggermente croccante accompagnata con dei semi di girasole. Grissini al curry e zafferano per una sensazione “piccantina” al palato.
    (voto 7,5)

    Menù
    La trovate qui in versione integrale, tre Menù degustazione io scelgo il Menù “ADESSO”

    In sala Giulia Tavolaro, una delle rare Sommelier Donna .. credo siano di più le Chef ..
    Talento , passione e Classe da vendere .. diciamo sperando che mia moglie non legga questo passaggio sul Blog.. una donna con la quale noi appassionati rischieremmo di perdere la testa ;-)

    Per Aperitivo mi propone tre opzioni;
    Champagne o Champenois Italiano , o per stare in regione un Prosecco..
    Opto per Champagne.. Dispongono di una loro selezione, un Pinot Nero in purezza versione millesimata 2002 in alternativa Taittinger 1999 o Bruno Paillard 1996 opterò per quest’ultimo.

    Carta dei vini;
    Evidentemente di assoluto livello, non manca nulla ed il servizio al bicchiere (due opzioni vini nazionali o anche internazionali) “di alto livello” aggiunge un punto in più
    (voto 8,5)

    Abbinamento Vini; (scelgo al bicchiere dicevo)

    Avremo;

    Aperitivo Champagne Bruno Paillard Brut 1996 (vedi note nella rece più sotto)
    ALPHONSE MELLOT ‘Edmund’ Sancerre 2001 (Valle della Loira, Sauvignon in Purezza)
    Buona annata , buona estrazione, sentori non troppo sul varietale peperone- salvia, ma ben tipizzato sul terroir.
    Ideale con le componenti vegetali di basilico , pomodoro e pisellini freschi.Anche con la mozzarella ci stava veramente sopra bene!
    Trebbiano D’ Abruzzo Valentini 2003 (vedi note nella rece più sotto)
    Pinot Nero Loacker Norital 2004
    Note di frutti rossi, piacevoli profumi di lampone, fragoline.
    Nuits St Georges 2002 JJ Confuron
    (su Piccione e Maialino)
    Magari meno ruffiano al naso, ma complessivamente ben più convincente per sentori ugualmente sui frutti rossi, un residuo di vaniglia, una traccia di sentore vegetale (che dicono piuttosto normale a NSG) e con l’appoggio ideale del piccione, per un complesso piacere armonico.

    Quando per il dessert mi aspettavo.. I Capitelli di Anselmi 2004 .. del resto me li propongono in TUTTA Italia.. e qui che siamo a un passo.. invece cosa ti arriva ? in Boccia da 0,75 ?

    Chateau D’ Yquem 1999 , riconosco la Boccia a 15 metri.. e con trepidazione vado degustando il mio prodotto preferito.. vi consiglio l’annata 1976 .. ma anche 2001 (meglio) e 1999 discrete..
    prodotto giovanissimo in questo caso ma.. il bellissimo colore giallo oro, i sentori di albicocca, e i fiori bianchi dolcissimi sono già elementi che donano grandissimo piacere.
    Un amico appassionato mi dice.. il 1999 “Tra ventanni, quando avrà digerito la solforosa in eccesso, sarà sicuramente molto più intrigante”

    Si parte!


    Stuzzichini…
    A sinistra Bignè ripieno di pomodoro accompagnato con un cremoso di melanzane
    da “pappare” in un solo boccone in quanto il contenuto è liquido.
    “Tegola friabile ai cereali” e a destra una “nuvola” al parmigiano.
    come dicevo.. il tutto accompagnato con
    Champagne Bruno Paillard 1996
    Grande annata, grande freschezza, perlage fine e suadente, raffinati profumi di lieviti e crosta di pane. Degnissimo compagno delle piccole delicatezze indicate. Il massimo con la nuvola di parmigiano.


    Stuzzichini 2 …
    Pesce occhiverdi fritto con tegole di riso nero.


    Uovo alla Carbonara
    Davvero una “chicca” gustosa
    (voto 7,5)


    Gamberi rossi in zuppetta di nocciole e aceto di lamponi con riso nero e grano bruciato
    Gamberi leggermente scottati, serviti in un fazzoletto di nocciole con aceto di lamponi,
    spettacolare il sostegno dato dal basilico. Massimiliano è il mago dei sapori… grande uso di cucchiaio finale.
    (voto 8,5)


    Gamberi Dettaglio


    Insalata di tagliolini di mozzarella e di pomodoro con polipo, pesto e bignè mediterraneo
    Si comincia dai tagliolini dove riscontreremo sedano e olive taggiasche , per poi concludere con il bignè di pomodoro e mozzarella una vera “chicca” da mangiare intero.
    (voto 7,5)


    Al aimo (Pomodoro, olio, ricotta, fave, pane, fagiolini, basilico, peperoncino) dedicato ad Aimo Moroni noto Chef dello stellato Milanese “IL LUOGO DI AIMO E NADIA”
    (inserimento EXTRA Menù)
    Composizione di verdura, pomodoro rosso e verde, fave , salsa di ricotta e olio di sicilia con pane carasau.

    (voto 7,5)


    “Sembra pasta” con guazzetto di pesce

    Alghe giapponesi Iziki con la stessa consistenza di pasta, in un guazzetto di frutti di mare (cozze, vongole, scampi) il tutto accompagnato con del pane fritto.

    Accompagnato con un Trebbiano D’ Abruzzo Valentini 2003 (100% Trebbiano)
    Sentori di albicocca, molto floreale e chiusura di nota speziata,
    Ampio, armonico, grasso, ben coerente all’annata, e anche sorprendentemente adeguato ad un piatto di non semplice codifica.

    Ottimo piatto e grande abbinamento della Sommelier!
    (voto 8)


    Foto dettaglio “Sembra Pasta”


    Risotto con ostriche selvatiche, schiuma di champagne e Caviale Asetra
    Sotto la schiuma troverò una pastiglia ghiacciata di acqua all’ostrica che “supporterà” la degustazione.
    Da Novarese.. appassionato di Riso.. mi sono lasciato “trasportare” in questo piatto, un piatto decisamente “EROTICO” a tutto Gusto! Bravo Massimiliano!
    (voto 9) ! non ricordo un mio voto più alto ? … emozione! con brivido ! ;-)

    Con il Risotto mi viene servito un calice di Champagne Laurent Perrier Brut.


    Foto Dettaglio Risotto


    Cappuccino di seppie al nero (inserimento EXTRA Menù)

    Abbiamo una zuppa di seppie con una vellutata di patate al profumo di erba cipollina e condita con olio a crudo di olive, di origine siciliana.
    Sicuramente una degustazione di grande appagamento e grande sostanza al palato, un piatto che si ricorda.
    (voto 8)


    “Giardinaggio”
    Battuta di manzo con falso pepe rosa del Perù da mangiare a mano intingendo nel giardino dei profumi
    Si tratta di una mucca da latte piemontese di un solo anno senza vitellini.
    Abbiamo una polvere di lamponi.. con una serie di erbe , prezzemolo, rucola, fiori commestibili.
    Come “intervallo” tra una”tastata” e l’altra, è disponibile in uno “slot” del piatto una preziosa Acetosella (in basso a sinistra) . Viene altresì fornito un tovagliolo caldo e umido per pulirsi le mani in chiusura.

    Un piatto “tattile” leggermente “estremo” per i miei gusti, ma di grande “assemblaggio”.

    (voto 7)

    Foto “Giardinaggio” Dettaglio


    Agnello e melanzane in cotoletta al basilico con caponata di verdure e grattachecca intensa di mentuccia selvatica

    Agnello con sfoglia di melanzane , leggermente fritto, servito con alla base tre patè, ottimi pomodoro e basilico, il primo a sinistra non ben individuato dal mio gusto..

    Agnello ottimamente preparato, tecnica notevole e caponata in abbinamento gradevole

    (voto 7)
    La grattachecca quanto mai gradita, sicuramente non a livello di quelle Romane! Massimiliano fai salire uno “stagista” ;-) da Roma che porti il know how necessario..

    Dopo L’agnello il Menù “ADESSO” prevede..
    Cuore di costata di vacchetta piemontese affumicata con pellicola di salsa rubra, fagiolini e cipolle fritte

    In verità per la curiosità di provare due piatti “culto” della carta chiedo (come alternativa) due mezze porzioni del “mitico” Piccione di Sante e del Maialino..


    Piccione di Sante arrostito al marsala con crema di patate

    Sante è un allevatore Toscano che fa ascoltare musica “classica” ai suoi piccioni..
    aldilà di questa “pippa” , la carne è fantastica e il piatto riuscitissimo, crema di patate da mozzare il fiato !
    Che spettacolo!
    (voto 8,5)


    Foto Piccione Dettaglio


    Maialino da latte al forno con salsa di senape e polvere di caffè

    Maialino con una cottura a bassa temperatura che varia dalle 36 alle 42 ore , l’unica consistenza diversa si riscontra nella cotica che viene resa croccante da un leggero passaggio in padella. Servito con una spuma di senape con polvere di caffè , polvere che serve a portare via un po della parte grassa della senape, e cicoria.

    (voto 8)


    Crema di roquefort con crosta ghiacciata di fragolaIl Cremoso di roquefort è alla base del piatto ricoperto dalla”ghiacciata” di fragole con della rucola come “orpello”
    Con un colpo “secco” di cucchiaio al centro si inizia un percorso di “culto” per gli amanti del formaggio e delle fragole.
    (voto 8)


    Foto dettaglio crema


    Il “Gioccadele” gioco al cioccolato 2006
    Da sinistra verso destra;
    Ciucciotto con cioccolato
    Cappuccino con alla base un cremoso di cioccolato bianco e latte , servito con caffè e spuma di caffè.
    Wafer Nocciolato, ripieno di un cremoso alla nocciola e cioccolato da mangiare interamente in un sol boccone (contenuto semi-liquido)
    Primo bicchiere.. Crema di cioccolato bianco, Sacher, profumo di Rum e uvetta
    Sorbetto al Mandarino profumato alla cannella
    Sorbetto di marasche (ciliege) salsa al cioccolato polvere di ribes nero
    Meringa alla birra con cremoso al cioccolato e profumo di birra
    Cannolo al cioccolato , all’interno cioccolato e the leggermente affumicato
    Nella Pipa un Rum delle Martinique che viene fatto maturare con le cortecce , si tira su dal beccuccio ricoperto di cioccolato.

    Grande “design” grande “progetto” , un momento di culto per gli amanti del Cioccolato.
    (voto 8,5)

    Dopo la Pipa di Rhum..
    Non contenta arriva Giulia con l’oggetto in foto , e mi dice .. Apra la bocca!
    Fiducioso non esito! a momenti ci rimango.. una “vampata” di Rhum ad alta gradazione.
    Ottimo comunque !

    Poi segue un discreto Caffè privo del classico accompagnamento di piccola pasticceria.. ahi ahi ahi .. che pecca ;-) )

    Ero talmente offline che nemmeno la foto sono riuscito a fare.. premetto che gli Alajmo in casi come il mio dispongono di bellissime Stanze presso il loro Hotel adiacente “Maccaroni” per “Pennica Gourmet” prima del viaggio di ritorno.

    Il Conto;

    Menù ADESSO 175 €
    (nonostante l’inserimento di tre piatti in più tra antipasti e primi, l’inserimento di Piccione e Maialino richiesti.. che in carta da soli extra “cubano” in due 48+40 € … ) non ho trovato riscontro in conto… che Classe!

    Beveraggio, ho preteso quello che volevo io al Bicchiere! Giusto che Pago!

    2 Calici Paillard Brut 1996 34€
    2 Calici ALPHONSE MELLOT ‘Edmund’ Sancerre 2001 42€
    1 Calice Trebbiano D’ Abruzzo (Valentini) 2003 (Offerto.. o probabilmente dimenticato..)
    1 Calice Laurent Perrier Champagne 20€
    1 Calice Pinot Nero Loacker Norital 2004 6€
    2 Calici Nuits St Georges 2002 JJ Confuron 34€
    1 Chateau D’Yquem 1999 da Boccia o,75 (non richiesto.. offerto da loro)

    Acqua 4,5 €
    Caffè 4,5 €

    Totale 320€

    Note Positive;
    Un tre stelle Michelin , dove non viene fatta pesare l’etichetta ed il personale svolge a tutti i livelli, il servizio con grande “mestiere” e professionalità con l’unico obiettivo di far vivere al cliente un momento UNICO di Altissimo Ceto! ;-)

    Note Negative; Dettagli
    Onestamente… non sono riuscito a trovarne, quando la squadra funziona si vede!
    E qui tutti lavorano e “remano” nella stessa direzione, non c’e’ il Solitario , faccio tutto io che poi inevitabilmente NON arriva dappertutto. Qui la squadra è visibilmente affiatata, ognuno è supportato , seguito e “coperto” .

    Conclusioni;
    Sicuramente lo posiziono tra uno dei primi cinque locali in Italia, come dico sempre a questi livelli non esistono classifiche, in ognuno dei 5 il bello è lasciarsi coccolare e gustare le tipicità proposte, in relazione ai propri gusti personali.

    Altissimo Ceto! per Massimiliano TriStellato Chef di grande talento, per Raffaele che con tanto “mestiere” tiene le fila , a Giulia per la sua competenza ed applicazione, a tutto il resto dello staff di altissimo livello, davvero dei grandi professionisti.

    Ristorante LeCalandre
    via Liguria 1, 35030
    Sarmeola di Rubano (PD)
    tel. +39 49 630303
    fax +39 49 633000
    e-mail alajmo@calandre.com
    Chiuso domenica e lunedì.
    Ferie dal 13 agosto al 4 settembre,
    riapertura il 5 settembre 2006 per cena

    Topics: Backstage Eventi Enogastronomici | 40 Comments »

    40 Responses to “Ristorante LE CALANDRE – Rubano (PD)”

    1. Luca Says:
      agosto 1st, 2006 at 12:54

      Decisamente da mozzare il fiato, mai come in questa occasione l’accompagnamento fotografico è stato prezioso. Nota storica a proposito del leggendario Valentini: ci ha lasciato a fine aprile a causa di un male incurabile ma l’intenzione del figliolo è quella di continuare la tradizione vinicola familiare.

    2. Anonymous Says:
      agosto 1st, 2006 at 15:50

      Bella camicia…

      Daviduccio

    3. Itadakimasu Says:
      agosto 2nd, 2006 at 17:17

      Alla faccia di chi crede che Alaimo sia uno chef-fighetta! cacchio, ormai ne ho mangiati così tanti di cappucci di pesce che sarà ora di provare l’originale…

    4. sassicaia85 Says:
      agosto 3rd, 2006 at 17:27

      e stato fantastico anke per me un mese fa sotto tutti i punti di vista un grande alajmo

    5. wineless Says:
      agosto 3rd, 2006 at 19:55

      Che mangiata! E che bevuta… avrai mica guidato poi??? ^__*

      Però proprio una cosa che non mi va giù, a fronte di questi conti, pur giustificati se volete dalle tre stelle, sono le 18milalire per una bottiglia di acqua (H2O) e un caffè (anche senza petit patisserie).
      Possibile che non si capisca che sia ridicolo? Ma offriteli no? non ci si fa più bella figura?

      vabbè… cmq complimenti Claudio!

    6. Anonymous Says:
      agosto 4th, 2006 at 12:57

      Certo è che vedere vuoto un ristorante del genere, all’estero i tre stelle non son mica così trascurati

    7. Anonymous Says:
      agosto 5th, 2006 at 15:19

      Occhio alla PANZA!!!! Sei già cresciuto almeno di 5 kili dalla prima rece! :) )

    8. PAOLO 64 Says:
      agosto 22nd, 2006 at 08:55

      Complimenti.
      Sono entrato per caso in questo sito e devo dire che quanto letto sinora ripecchia quasi completamente la realta’.
      Nello specifico caso de “Le Calandre”, ho avuto il piacere di cenare tre volte nell’arco di un anno (a la carte, menu “I grandi classici” e menu “Adesso”) ed è stato sempre un crescendo positivo di senzazioni.
      Eccezionale la qualità della materia prima e il legame fra i vari ingredienti dei piatti, semplicemente perfetta la gestione della sala che riesce a farti sentire complice della serata.
      Capitolo a parte merita la sommelier Giulia: sicuramente ha carta bianca sulle proposte dei vini, ma il rapporto che riesce a creare con il cliente è formidabile.
      Secondo me “Le Calandre” è uno dei primi tre ristoranti italiani.

    9. voice3768 Says:
      novembre 1st, 2006 at 23:40

      provato oggi a pranzo.
      locale pieno e pranzo da urlo.
      i cannelloni, il risotto alla liquirizia e il maialino mi hanno mandato in delirio.
      Alajmo e’ un grande. Entra di diritto nella mia top five di sempre dove per la cronaca troviamo
      vissani, uliassi, santini,alajmo e laghi.
      voice3768

    10. daniel Says:
      novembre 26th, 2006 at 14:19

      beh sono stato a cena l’altra sera…e sono impazzito… siamo stati seduti al tavolo per 3 ore e mezza…. ma ci sono sembrati dieci minuti. tutto è andato come una musica. in perfetta sintonia. non abbiamo semplicemente cenato: è stata un’esperienza sensoriale di livello altissimo! e poi sono davvero simpatici. e tu astai a tuo agio. bravi alajmo! (e Ewiva il piccione di Sante!!)

    11. val Says:
      gennaio 18th, 2007 at 17:32

      Interessantissima recensione, anche perchè avevo votato per questa tua visita ed ero davvero curiosa di leggere il tuo parere.
      Tra l’altro ho in programma di andarci presto anch’io! A presto

    12. Anonymous Says:
      gennaio 23rd, 2007 at 11:16

      Pienamente d’accordo con le tue considerazioni, l’abbiamo provato a pranzo ed è stata una bella emozione. A parte qualche battuta fuori luogo del cameriere, che non ti aspetti per le tre stelle.. Ma c’è di peggio, qui si entra già con il sorriso.
      Grazie per il tuo impegno.

      Gigi

    13. Anonymous Says:
      gennaio 30th, 2007 at 12:31

      Provato settimana scorsa, esperienza notevole, ottimo il clima che si respira in sala, è vero che non fanno pesare in alcun modo le “stelle”, gran merito.Alcuni piatti superlativi, rispetto ad altre esperienze ad alto livello (tipo Sorriso o anche Piccolo Lago)ho trovato la spesa però decisamente eccessiva, direi di almeno un 20-25%.
      Ciao.

    14. Anonymous Says:
      gennaio 31st, 2007 at 18:37

      le faccio i miei complimenti…pochi sanno esprimere come lei le sensazioni che si provano entrando, sedendosi e magiando alle calandre…tuttavia io aspiro ad andarci a lavorare più che a mangiare…e spero vermante un giorno di arrivarci..in uno dei tempi della cucina, a livello mondiale…sarei pronto anche a pagare…

    15. vittorio Says:
      marzo 11th, 2007 at 19:41

      ciao,mi dispiace moltisssimo,ma non sono proprio daccordo con te rigaurdo al ristorante Le Calandre.
      Sono stato a cena con mia moglie per festeggiare il suo compleanno,era un venerdi sera.
      Servizio scadente,locale rumoroso,alla fine ci hanno addebitato 2 aperitivi anzichè uno,non ci hanno tolto le bricciole prima del dessert,niente piccoloa pasticceria.Ho scritto per manifestare il mio disappunto.non mi hanno neanche risposto.Altro che signirilità;Marchesi Santin e tanti altri un pò meno noti hanno decisamente una marcia in più.Probabilmente il successo dà alla testa.Sicuramente la gran nota positiva è stata la cucina.Decisamente grande,ma quando paghi cifre di questo genere tutto dovrebbe essere perfetto in ogni punto.Mi dispiace ma sicuramente un posto dove non ritornerò sicuramente.Ciao e complimenti per le tue magnifiche recensioni.
      A proposito,che fine ha fatto l’apepiera?
      Ciao vittorio

    16. ViaggiatoreGourmet Says:
      marzo 11th, 2007 at 19:51

      Gentile Vittorio,
      Registro il tuo feedback.

      L’ApePiera è stato rilevato dallo Chef Nicola Cavallaro e ora si chiama Nicola Cavallaro Ristorante.

      Un caro saluto.

      VG.

    17. dario.cupitt Says:
      marzo 11th, 2007 at 20:16

      settimana prossima ci devo andare, ho già prenotato, sono abbastanza emozionato data l’importanza del luogo.
      vi farò sapere

    18. dario.cupitt Says:
      marzo 11th, 2007 at 20:17

      settimana prossima tocca anche a me, ho già prenotato, non vedo l’ora.
      vi farò sapere

    19. Anonymous Says:
      marzo 17th, 2007 at 19:24

      confermo, il 4 marzo con mia moglie ho vissuto emozioni simili e anchio … non ho potuto guidare .. complimenti a tutti

    20. Max Says:
      aprile 19th, 2007 at 20:09

      Bravissimo, ottima recensione. Mi hai regalato bei momenti, grazie!

    21. Anonymous Says:
      giugno 18th, 2007 at 13:30

      Ci siamo appena stati io e mia moglie a pranzo. Era da anni che desideravamo andarci (abbiamo gia’ visitato Vissani a Baschi, Cedroni a Senigallia, Cracco a Milano, Nadia Santini a Canneto sull’Olio e molti altri). Questa la nostra opinione. Il mio pasto e’ stato sublime (no menu’ degustazione). Anche quello della mia compagna, eccezion fatta per il suo primo (gnocchetti soffici di ricotta con astice, gamberi e scampi, salsa di basilico e pistacchi): l’unica ostrica presente nel piatto era piena di sabbia. Dato il livello del ristorante (nonche’ il costo) ritengo si sia trattato di un episodio INACETTABILE!!! Fatto notare il fatto increscioso (in maniera molto riservata) il gourmet ci ha portato le piu’ profonde scuse da parte di Massimiliano, dicendo che purtroppo sono cose che capitano e che non possono vivisezionare tutti gli alimenti. Mi sarei forse aspettato qualcosa di piu’, dato che si trattava di un piatto da 45 euro che e’ stato completamente rovinato da questo fatto (la mia compagna ha dovuto “sputare” tutto). Quanto meno non includerne il costo nel conto finale. Sarebbe stato un atto di gran classe quantomeno dovuto. Purtroppo cio’ non e’ accaduto.

    22. Anonymous Says:
      giugno 19th, 2007 at 02:03

      Ciao.
      Grazie per le tue bellissime recinsioni.
      Andrea.

    23. SUMMER22 Says:
      giugno 19th, 2007 at 02:11

      ciao .complimenti per le recinsioni
      sei bravissimo Claudio

    24. Indice Recensioni Ristoranti suddiviso per Regioni | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      ottobre 27th, 2007 at 09:59

      [...] – Cavenago d’Adda (LO) – Chef Fabio Granata Rece by MdM VENETO ; Provincia di Padova; Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Vicenza; La Peca – Lonigo (VI) – Chef Nicola Portinari Provincia di Verona; Ristorante [...]

    25. CaMe Says:
      ottobre 22nd, 2008 at 10:54

      Bella recensione. Sono contento che il caffè sia solo discreto: lo stesso caffè, bevuto a La Peca di Lonigo, le è sembrato molto buono. A dimostrazione del fatto che gli Alajmo devono trovarsi uno bravo a fare caffè, a partire dal Calandrino, dove – tolta la ragazza mora – nessuno è in grado di farlo, a mio parere. E’ una pecca troppo grande per questo locale strepitoso. Anche perchè il caffè che usano è buonissimo, come si fa a rovinarlo così?

    26. Identità Golose 1-4 Feb. 2009 - Milano - Vi aspettiamo tutti nella Lounge Longino & Cardenal | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      gennaio 31st, 2009 at 22:59

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    27. adrianela9 Says:
      marzo 10th, 2009 at 18:32

      CaMe Io sono la ragazza mora del Calandrino, Grazie dei complimenti!!!!!

    28. zio.calamaro Says:
      marzo 22nd, 2009 at 14:26

      non so che parametri si usino per l’assegnazione delle stelle michelin, in questo caso credo NON sia stato valutato l’arredamento della sala da pranzo ed i bagni, a mio avviso brutti; per il resto tutto quasi di ottimo livello, compreso il conto…….credo che l’aspettativa di trovare qualcosa di veramente speciale a 360 gradi mi abbia un po’ fregato…

    29. davide cattaneo Says:
      maggio 19th, 2009 at 14:28

      sono stato alle calandre , ho mangiato alle calandre , ma (”despite”) la straordinaria gentilezza di massimiliano , con cui ho condiviso un tris di dolci in cucina , ho scoperto (da tempo in vero) un ristorante nel veneto , nel bellissimo veneto che supera a pie pari il regno di massimiliano , a mio giudizio l’antica osteria da cera , guidata magistralmente dalla simonetta , e’ ancor superiore , forse sono gusti , forse sono emozioni , forse sono sottili piaceri della mente , di certo e’ la mia idea di essere e di fare ristorante , che dire ??? che aggiungere ??? … la simonetta e’ entrata nel mio cuor , (come il pino del MA.RI.NA) , mentre le calandre aihme’ non hanno trovato il loro posto adeguato (sempre , ovviamente nel mio cuor) … buon appetito a todos , e buona vita a tutti come dice il mio (”amico”) mauro corona … davide

    30. davide cattaneo Says:
      maggio 19th, 2009 at 14:31

      once more … viva la simonetta del CERA , viva il pino del MA.RI.NA. , viva l’appetito , Davide

    31. Cartoline dalla presentazione delle Guide Espresso 2010 – Stazione Leopolda – Firenze (FI) | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      ottobre 9th, 2009 at 17:02

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    32. GOLOSONE Says:
      gennaio 1st, 2010 at 15:25

      Ci sono andato 4/5 volte , l’ultima volta con mia moglie : e’ sempre un’esperienza sensoriale incredibile siamo ai massimi livelli della cucina italiana.
      Il servizio ineccepibile veramente bravi e poi tutte e 5 le volte c’era MASSIMILIANO ALAJMO presente che poi e’ venuto gentilissimo a salutare in sala ! CHAPEAU

    33. Cartoline dalla conferenza stampa di presentazione di Identità Golose 2010 – Milano – Dal 31 Gennaio al 2 Febbraio | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      gennaio 27th, 2010 at 11:19

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    34. Il Gusto per la Ricerca – Frecce e Stelle per la Ricerca – 22 Marzo – Rivolto (UD) | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      maggio 25th, 2010 at 16:37

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    35. cristina frascari Says:
      dicembre 15th, 2010 at 10:55

      Anche io mi sono recata alle Calandre per il mio compleanno il 12/05/2010 ed è stato un’esperienza unica. Le 3 stelle Michellin le meritano davvero tutte per la qualità, la presentazione la particolarità del cibo, per la location ( nelle foto c’è la location vecchia quella nuova per me è molto più particolare ed aiuta il cliente nel suo viaggio sensoriale) , IL PERSONALE è GENTILISSIMO, SIMPATICO, GIOVANE MA BEN PREPARATO E che dire di Massimiliano davvero un genio inoltre anche con noi è uscito ed a salutato tavolo per tavolo tutta la Sala …. sOLDI DAVVERO BEN SPESI. cRACCO DOVREBBE FARE UN GIRETTO QUI….

    36. 17 Gennaio 2011 Giornata Mondiale delle Cucine italiane – GVCI – Ola del Pesto Genovese Autentico | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      gennaio 17th, 2011 at 10:11

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    37. Cartoline dal 154mo Meeting di Altissimo Ceto Ristorante Le Calandre – Sarmeola di Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      novembre 3rd, 2011 at 11:06

      [...] Le Calandre – Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo Provincia di Treviso [...]

    38. Cartoline dal 237mo Meeting VG @ Le Calandre – Sarmeola di Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo, Patron Famiglia Alajmo | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      aprile 17th, 2013 at 14:51

      [...] Reportage del 27 luglio 2006 -> Meeting del 14 settembre [...]

    39. Breaking News: Venerdì 25 Ottobre nuova BMW X5 e Serie 4 Coupé al Ristorante Le Calandre – Rubiano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      ottobre 21st, 2013 at 17:06

      [...] Reportage del 27 luglio 2006 -> Meeting del 14 settembre 2011 -> Meeting del 19 settembre [...]

    40. Cartoline dal 332mo Meeting VG @ Le Calandre – Sarmeola di Rubano (PD) – Chef Massimiliano Alajmo, Patron Famiglia Alajmo | Viaggiatore Gourmet alias Altissimo Ceto! ;-) Says:
      aprile 18th, 2014 at 16:02

      [...] -> Reportage del 27 Luglio 2006 -> Meeting del 14 Settembre 2011 -> Meeting del 19 Settembre 2012 [...]

    Comments

    You must be logged in to post a comment.